Etichette: , , ,

Altris contis di famee. La vostra copia.

 Altris contis di famee 
 Cjolti la copie 
 Prenditi la tua copia 


Ma sì, lu savevi za. 
Lu savevi che non varès plui let nuie, e che no varès plui inzornât chest blog.
Di libris gnûfs o ai plene cjase, une colone sul comodin cun plui di vincj robis tacadis a lei e che nissune soi rivât a plui di vincj pagjinis. O ai di lei Alessandra, Gigi, Alberto, Silva, Renzo, Gianluca, Angelo, Pino, Checo, Gianfranco... int che si cognòs. Int che o cognòs. Ma o ai di lei ancje Roald, Haruki, Joe, Italo, Dino, Federico, Pierluigi... altre int che in cualchi maniere si cognòs ancje chê. Ma nie, no rivi plui. 
Ancje lis poesiis, i pensîrs, lis peraulis bielis, ducj scjampâts. 
Parfin lis fotografiis. No lis fâs plui, lis viôt simpri mancul.
Pôc mâl. Si va a periodis e si fâs alc altri. 
Si lavore, come simpri, e come simpri masse, e si fâs robis inutilis, ancje chês simpri masse.
Si ingrasse, si devente vecjos, si impare a mandâ a fun cool la int in manieris diferentis e si cognòs simpri plui muarts e simpri mancul vîfs. Il mont al va in piês ator di nô e simpri di plui, ogni dì, si tache a domandâsi se al vâl la pene, secont la veretât universâl calviniane che mi à simpri sburtât, salvâ e slargjâ ce che nol è infier. Poben... altris discors. Che forsit al valarès la pene di fâ ma no cumò.
Vuê al è il vinars di Pasche, e no lavori, e o ai une scuse buine par tornâ a meti mans achì, su chest blog che di tancj libris al fevele. E sì, lu sai, che stoi scrivint par furlan e chest nol è il blog di furlan, ma il libri al è par furlan e no ai intenzion di meti doi post par une stesse robe, o cjatais la traduzion taliane sot. Leieit chê che us va miôr.
E us mandarai il link un par un, a tancj di voaltris.
Cualchidun invezit lu leiarà par câs. Ce che al è.
Al è un post di marketing, us al dîs daurman. Parcè che ogni tant mi visi che e je une des robis che o ai studiât. Soi un economist, mi interessin ducj i aspiets economics des robis, e o viôt la economie come un mieç che al podarès jessi doprât par jessi plui contents. 
E il marketing e je une aruede di chel mieç.
E alore chest al è un zîr di cheste aruede.
O ai publicât un libri, un libri par furlan, e al è la seconde part di Contis di famee, che o vevi publicât tre agns fa. Il libri si clame ALTRIS CONTIS DI FAMEE e al è vecju di doi agns. Lu ai consegnât ae cjase editore come cumò dal 2016, ancje se lis logjichis editoriâls lu àn publicât dome cuant che a vanzavin bêçs di scugnî spindi e cun tant di cognom falât sul dors :). 
Lis contis lis ai scritis pes seradis di presentazion dal prin libri, cualchidune, cualchi altre di pueste, su robis che mi àn contât dopo vê let il prin libri. Cualchidune la cjatais in rêt, cualchidune la varês za sintude. O ai tornade a fâ la acuile gjenealogjiche, o ai sgarfât fûr lis datis di parincj che no savevi neancje di vê, o ai scuviert che mi clamavi Serafino, che une des trê mês nonis mancjadis e jere nassude te stesse mê zornade. Mi àn judât, come simpri. Soi un che nol merete ma le int mi jude.
Serena, une vore, e Pablo, par che al sedi un furlan cence masse falopis, ancje se jo o ai decidût di falis di pueste, cualchidune. Ma sbaliâ savint di sbaliâ e je une des bielis robis de vite.
E Giorgia a lei par prime, Checo pe post fazion, Gian e Emanuela pe Acuile, Giulia par un report di ospedâl, Solidea a contâmi storiis de mê famee che no savevi. E ducj chei che mi àn judât a leilui, sparniçâlu, a fâlu sù. Bizio e Franco, Lussie e Margherite, Michêl, Alice, Luca, Alessandra, Pauli e Carli, e insome... un sacco d'altra gent E mê mari e gno pari, par dut ce che al vanze. Insome, une famee slargjade, par meti adun un libri. 

Al è un pôc plui biel dal prin, plui organic. Al è lunc cuasi compagn, ven a stâi curt, 115 pagjinis, 15 contis. Nol è biel come chel dal Sant Simon, ma al è ancje diferent. 
In cuviertine la foto de famee di mê none, e dutis lis sôs sûrs. Sul daûr la foto di Agnul intant che al blesteme, chê la viodarês sul libri. No son dentri lis fotografiis dai cuadris di un gno cusin che al è ma nol è, ma jo us a lis met achì. E chi sot us met ancje la acuile gjenealogjiche. 
Il libri al coste 12 euro. Jo lu compri a 8. Us al vent a 10. Vaial ben?
Se o leies chest post, se volês la VUESTRE copie, ma la domandais vie mail. La solite: gelostellato[caiut]gmail.com 
Se o sês a stâ in Friûl, us al à ven a puartâ in biciclete (o in machine, se o sês oltre i 30km di Sclaunic), di persone. Se us va miôr, us al à spedis. Se no vignit a cjoile achì a Sclaunic, tal tabachin. Us al à pues lassâ ali cul vuestri non. O si cjatin intune des seradis che o fasari in chescj mês che a vegnin (Martars 3/4 di sere soi a Lauçac, Miercus 4 a Cjarlins). Insome... cumbinin. 
Su la vuestre copie, in plui de "deleghe", inte ultime pagjine blancje libare, us scrivarai une mini conte di famee, a man, che cjatareis dome li. O ai inmò di scrivile. Lu fasarai vuê. Se o rivi 'nt scrîf plui di une, no sedi mai che un al vueli dôs copiis. 
Al è dut, disarès.
Cheste je une robe che o ai pensât vuê matine e le ai fate. 
O spieti lis vuestris mail e voi a puartâ a comedâ la biciclete.
E o scomenci a scrivius.

*** *** ***

Ma sì, già lo sapevo.
Lo sapevo che non avrei più letto niente, e di conseguenza non avrei più aggiornato il blog. 
Di libri nuovi ho piena la casa, una colonna sopra il comodino che ha più di venti libri iniziati e mai in nessuno sono andato oltre pagina venti. Ho da leggere Alessandra, Gigi, Alberto, Silva, Renzo, Gianluca, Angelo, Pino, Checo, Gianfranco... persone che conosco. Ma anche Roald, Haruki, Joe, Italo, Dino, Federico, Pierluigi... altre che in qualche modo anch'esse conosco. Ma niente da fare, proprio non combino.
Anche le quasi poesie, i pensieridigelo, le parole belle, tutto fuggito.
Persino le fotografie. Non ne faccio, ne vedo sempre meno.
Poco male. Si va a periodi, si fanno altre cose.
Si lavora, come sempre, e come sempre troppo. Si fanno cose inutili, troppe anche di queste.
Si ingrassa, si invecchia, si impara a mandare a fun cool laggente in modi diversi e si conosce sempre più gente morta di quella viva. Il mondo peggiora intorno a noi, ogni giorno, e sempre più vado chiedendomi se vale la pena, secondo la verità universale calviniana che mi ha sempre spinto, a salvare e dare spazio a ciò che non è inferno. Vabbè, altri discorsi. Che forse varrebbe la pena fare, ma non adesso. 
Oggi è venerdì di Pasqua e non lavoro, e ho una buona scusa per rimettere mani a questo blog. E sì, lo so, sto scrivendo in friulano ma se state leggendo qui avete trovato anche la versione italiana. Potete leggerle entrambi, che chissà, magari non sono uguali.
E comunque vi manderò il link personalmente, scrivendovi, ché è da tanto che non lo faccio.
O magari lo troverete per caso. Quel che è.
Vi avverto subito che questo è un post di marketing.
Ogni tanto mi ricordo di aver studiato Economia, e sono un economista e di tutti i fenomeni spesso mi interessa quell'aspetto. Intendo l'economia quale mezzo per essere più felici.
E il marketing è una ruota di questo mezzo.
E questo post è un giro di quella ruote.
Ho pubblicato un libro, un libro in lingua friulana, ed è la seconda parte di Contis di famee, che pubblicai tre anni fa.
Si intitola ALTRIS CONTIS DI FAMEE ed è oramai vecchio di due anni. Lo consegnai alla casa editrice come ora, nel 2016, anche se le logiche editoriali lo hanno potuto pubblicare con l'arrivo di fondi avanzati da dover spendere, con tanto di cognome scritto errato sul dorso. :). 
I racconto sono stati scritti a volte per serate in cui presentavo il primo libro, altri di proposito, su storie che mi hanno raccontato dopo averlo letto. alcune  le trovate in rete, altre potreste averle già sentite. 
Ho rifatto l'aquila genealogica, ho recuperato le date di parenti che nemmeno sapevo di avere, ho scoperto che il mio cognome dell'Ottocento era Serafino, e che una delle mie tre mancate nonne era nata nel mio stesso giorno.
Come sempre mi hanno aiutato. Sono uno che non se lo merita, ma trovo sempre chi mi aiuta.
Serena, parecchio, e Pablo, che hanno portato questo friulano a essere corretto, senza troppi errori, anche se io ne ho fatti alcuni volontariamente. Ma sbagliare con la coscienza di farlo è una delle cose belle della vita. E Giorgia, a leggere per prima. Checo, fedele famiglia autore della postfazione. Gian ed Emanuela per l'aquila. Giulia per il report da ospedale. Solidea a raccontarmi storie della mia famiglia che non conoscevo. E tutti quelli che mi hanno aiutato a promuoverlo e leggerlo, a costruirlo. Bizio e Franco, Lussie e Margherite, Michêl, Alice, Alessandra, Pauli e Carli, e insome... un sacco d'altra gente. E mia madre e mio padre, per tutto il resto. Insomma: una famiglia allargata per mettere in piedi un libro.

E' un po' più bello del precedente, più organico. Lungo piùà o meno le stesse pagine, 115, per 15 racconti. 
Non è bello come quello del Sant Simon.
In copertina c'è una foto della famiglia di mia nonna, con tutte le sue sorelle. Sul retro c'è Agnul, mentre sta bestemmiando. Ma quella la vedrete sul libro. E' una gran foto.
Non ci sono le foto dei quadri di un mio cugino che c'è ma non c'è più. Ma io ve le metto qui, così come qua sotto vi metto l'aquila genealogica, quella rossa, arrabbiata. 
Il libro costa 12 euro. A me lo vendono a 8. Io ve lo vendo a 10. Va bene?
Se leggete questo post e se volete la VOSTRA copia, chiedetemela via mail. La solite: gelostellato[chiocciolina]gmail.com 
Se abitate in Friuli, ve la vengo a portare in bicicletta, (o in auto, oltre i 30km), di persona. Se preferite, ve la spedisco via posta. Oppure venitevela a prendere a Sclaunicco, in tabacchino. Ve la posso lasciare lì a vostro nome. O ci si becca in qualcuna delle serate che ho da fare in questi prossimi 2-3 mesi. (Matedì  3 a Lauzacco, Mercoledì 4 a Carlino) Insomma, la si combina. 
Sulla vostra copia, oltre alla "deleghe",nell'ultima pagina bianca libera, vi scriverò un racconto di famee, a mano, che troverete solo lì. Devo ancora scriverlo. Lo farò oggi.
Se ce la faccio ne scrivo un paio. 
Direi che è tutto.
Questo post l'ho pensato stamane, e l'ho fatto. Aspetto le vostre mail.
E rimetto a posto la bicicletta.
E comincio a scrivervi.


2 commenti:

  1. Ti scrîf ca par prenotâ la mê copie, e par che tu tachedis a personalizâle, ancje se in realtât si sin za metûts dacuardi, ancje su lis datis obleadis.
    E come simpri in chest blog, par visâmi di trop timp che si cognossìn, mi firmi cuntune

    X

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma secont me tu tu âs za une copie. :D

      Elimina

 
* © 2013 | Designed by Plantillas Blogger and Aplicaciones Android - Customized by The Code Monkey