Etichette: , ,

Fun Cool! 10 - I racconti in gara


N. 1
La pipa
E' magnifico la sera uscire sul balcone, guardare la città in lontananza, e vederla bruciare.
***
La pipe
Al è maraveôs la sere lâ fûr sul puiûl, cjalâ la citât di lontan, e viodile brusâ. 

N. 2
Meglio tardi che mai
Osservando la scena del delitto, il commissario posò lo sguardo sulla penna che aveva dimenticato la sera prima e notò l'agente della scientifica che la raccoglieva; era arrivato il momento di invitare a cena quel poliziotto.
***
Scrutinant la sene dal delit, il comissari al poià une voglade su la pene che al veve dismenteât la sere prime e al viodè che un agjent de sientifiche la stave cjapant sù: e jere vignude la ore di invidâ a cene chest poliziot.
di Ranz

N. 3
Concorso di colpa
Se la mia ex fidanzata Ileana non mi avesse mollato lasciandomi libero e single il sabato in cui mi sono trovato per la prima volta davanti agli occhioni lucenti e ammiccanti di Barbara, se il mio amico Mario non mi avesse espresso la sua profonda invidia per la fortuna che mi era caduta dal cielo facendo innamorare di me una bellezza stratosferica come lei, se i genitori miei e quelli di Barbara non avessero dato l'assenso al nostro matrimonio, se quel palestrato lampadato non la avesse sedotta alla vigilia delle nozze, io non avrei commesso un femminicidio, perciò mi chiedo perché vogliono dare ventun anni di pena tutti a me anziché suddividerli equamente coi corresponsabili dandoci tre anni ciascuno.
***
Concors di colpe
Se la mê murose viele Ileana no mi ves molât lassantmi libare e single la sabide cuant che mi soi cjatât pe prime volte denant dai voglons sflandorôs e cimiots di Barbara, se il gno amì Mario no mi ves pandût la sô invidie profonde pe fortune che mi jere colade intor cuntune fantate cetant biele come jê cuete di me, se i miei gjenitôrs e chei di Barbara no vessin acetât il nestri matrimoni, se chel palestrât lampadât no la ves tentad la dì prin des gnocis, jo no la varès copade, par chest mi domandi parcè che a àn voie di dâ vincjeun agns di pene ducj a mi pluitost che dividiju in maniere juste dantnus trê par om.

N. 4
Un pomeriggio 
Era tutto il giorno che ci provava ma la connessione faceva schifo, la piattaforma lasciamo perdere e il blog moriva di inedia; quindi, spense il pc, lo chiuse e poi si sfogò col martello ed un sorriso agghiacciante sulle labbra.
***
Un daspò di misdì
Al jere di dut al dì che al traficave ma la conession e faseve ingomut, la plateforme lassìn pierdi e intant il blog al murive di fan: si che duncje, al studà l'ordenadôr, lu sierà e po dopo si sfogà cul martiel e un riduçâ di sgrisulâsi parsore dai lavris.

N. 5
AAA Cedesi tastiera in cambio di organo in buono stato 
Pur non essendo mai stato bravo come esecutore, il mio look romantico in questi anni ha sempre avuto successo nelle serate al piano-bar, dove mi accompagnavo alla meno peggio con questa tastiera, intonando brani retrò che le signore sembravano apprezzare, dato che si avvicinavano a frotte, ammiccanti, offrendomi bicchierini e cocktail tutta notte, fino a quando il dottore mi ha detto che “devo cambiare musica” e procurarmi un organo nuovo, un bel fegato sano da sostituire a questo che a suon di alcool ormai è andato…
***
AAA Si vent tastiere par un orghin in bon stât
Pûr no jessint mai stât brâf tant che esecutôr, il gno look romantic in chescj agns al à simpri vût sucès inte seradis al piano-bar, dulà che compagnavi come che al capitave cun cheste tastiere, intonant cjantis retrò che lis sioretis a parevin preseâ, jessint che si svicinavin a trops, cimiotis, ufrintmi bichierins e cocktails dute la gnot, fintremai che il miedi no mi à dite che "o ai di cambiâ musiche" e procurami un gnûf orghin, un biel fiât salt di cambiâ cun chest, che a fuarce di alcul aromai al è lât...

N. 6
Puartâ pazience 
Mai come scugnî, si maridà cun siôr Donato e Dante i disè «Si à di dî di sì di dì», che lôr si saressin viodûts di gnot.
***
Portar pazienza
Obbligata dagli eventi, si sposò con sior Donato e Dante le disse: «S'ha da dir di sì la dì», che tanto loro si sarebbero visti la notte.

N. 7
Equivoco
"Una sera, terribile non più delle altre, tornando dal lavoro in lieve anticipo rispetto al solito, irrompo nella nostra camera da letto e la sorprendo, la colpisco: certo, un paio di mutandine rosa di pizzo sotto ad un irreprensibile completo in doppio petto non si vedono tutti i giorni".
***
Malintindiment
"Une sere, no plui tremende di altris, tornant di vore un tichinin prime rispiet dal solit, o jentri di buride inte nestre cjamare e la brinchi, la frachi: po sigûr, un pâr di mudandutis colôr di rose in picet sot di une mude in doplipet cence une pecje no si viodin ogni dì".
di Pierandrea Formusa

N. 8 
Con le mani sulla tastiera 
 L’oscura legione dei Senzatregua aveva costretto il pensatore a vivere rinchiuso dentro edifici letali: asili, scuole, università, fabbriche, case di riposo e ospedali; ma lui era riuscito a demolirli tutti, cimitero compreso.
***
Cu lis mans su la tastiere
La legjon oscure dai Cencepadin e veve obleât il pensadôr a vivi sierât dentri di edificis letâi: asîi, scuelis, universitâts, fabrichis, ricovars e ospedâi; ma lui al jere rivât adore a sdrumâju ducj, comprendût il cimitieri.
di Diego Cocco

N. 9
Litigio 
Luana non disse più una parola, forse per il gancio a cui era appesa, forse che non aveva più nulla da dire, forse per la pistola che Riccardo si era ficcato in gola.
***
Barufe
Luana no disè plui di une peraule, vûstu per in ganç dulà che e jere picjade, vûstu par che no veve plui nuie di dî, vûstu par la pistole ceh Ricart si jere ficjât in jù pal cuel.
di Eddie M

N. 10 
Super J 
Domenica, sette e trenta del mattino, Joele si vestì di tutto punto, la valigetta in mano e le scarpe comode; appena uscito di casa udì un gallo cantare tre volte, dall’altro lato della carreggiata due suore gli camminarono incontro come in un duello western, pronte a estrarre il rosario e usarlo come un lazo per atterrarlo; per poco non inciampò in un gatto nero che gli attraversò la strada e lo scrutò con aria di sfida, ma nonostante i segni tangibili che lo incitavano a desistere, lui non si fermò: doveva compiere la sua missione; lo aveva promesso all’anziano e una parola data è una parola data, “non ti curar di loro” pensò; il portone di legno intarsiato era chiuso, prese il coraggio insieme a un respiro che gli saliva dai calcagni, bussò con vigore alla porta, quasi un minuto d’attesa bastò per fargli imperlare la fronte di sudore; finalmente l’uscio si aprì, ad accoglierlo un uomo dalla folta barba nera che dopo aver sputato in terra, alzò gli occhi e lo guardò con l’espressione a punto interrogativo; Joele con le mani tremolanti aprì la valigetta e si preparò allo scontro, estrasse le sue armi e sventolando le due riviste al cielo gridò la sua battuta: “Torre di Guardia, Svegliatevi la fine del mondo è vicina”! 
***
Super J
Domenie, siet e mieze di buinore, Joêl si vistì come un pipin, la valisute in man e lis scarpis comudis; pene lât fûr di cjase al sintì un gjal cjantâ trê voltis, di chê altre bande de strade dôs muiniis i vignirin incuintri come se al fos un scuintri di un western, prontis a tirâ fûr il rosari e doprâlu come une cuarde par dispicjâlu; par un pêl nol si inçopedà intun gjat neri che i straviersà la strade e lu scrutinà cun muse tichignose, ma cun dut dai segns tangjibii che lu sburtavin a lassâ pierd, lui no si fermà: al veve di puartâ fûr la sô mission; lu veve imprometût al vieli e une peraule dade e une peraule dade, "no stâ abadâ di lôr" al pensà; il puarton di len intarsiât al jere sierât, al cjapà coraç e un flât che i vignive sù dai telons, al pocà cun viamence ae puarte, cuasi un minût di spiete e fu vonde par fâi sudâ il cerneli; ae fin la puarte si vierzè, a dâi acet un om cuntune barbe fisse e nere che dopo vê spudât par tiere, al alçà i voi e lu cjalà cu la muse a forme di pont di domande; Joêl cu lis man che a tremavin al vierzè la valisute e di preparà al scuintri, al tirà fûr lis sôs armis e svintulant doi gjornâi par aiar al sigà la sô batude: "Tor di vuardie, sveatsi, la fin dal mont e je rivade"! 
di Luisa Lajosa

N. 11
Mani calde
Quando ho fatto la constatazione amichevole al bar Da Pizzo ho notato che aveva le mani calde quella donna mora cinquantenne senza trucco che avevo tamponato poco prima in Piazzale Bixio a causa di quel mattone sulla carreggiata dopo essermi distratto a guardare quel bizzarro tipo verdevestito con la papalina in quel freddo mattino invernale che sapeva di metallo, di fumo di fabbriche e di terra arata di fresco nei pochi campi rimasti dopo l’immonda speculazione edilizia del 1971 che grave danno cagionò alla nostra comunità per via di quegli amministratori corrotti e sfacciati che si meriterebbero minimo la galera se non fossero ormai tutti morti di vecchiaia e sepolti nei loro splendidi mausolei su cui mi verrebbe la tentazione di defecare se non fossi beneducato e rispettoso dei luoghi pubblici ed ho alcuni amici pronti ad confermare la veridicità di tale mia affermazione di fronte a tutti coloro osassero criticarmi non fidandosi della mia sincerità esemplare nota non solo in Italia ma anche nel resto del mondo o per lo meno nei paesi in cui ho svolto la mia integerrima attività come diplomatico tanto da meritarmi come degno riconoscimento del mio operato l’appartenenza all’Ordine della Giarrettiera il cui attestato ebbi dalla gagliarda Regina Madre in persona che quando mi strinse la mano ne percepii il calore-
***
Mans cjaldis
Cuant che o ai fat la constatazion amichevule te ostarie li di Piç o ai sintût che e veve lis mans cjaldis chê femine more sui cincuante cence truc che i vevi dât dentri cu la machine pôc prin di Plaçâl Bixio par vie di chel modon su la strade dopo jessimi pierdût vie a cjalâ chel matucel vistût di vert cu la papaline in chê frede buinore d'Unvier che e saveve di fier, di fum di fabriche e di tiere pene arade ta chei pôcs cjampsrestâts dopo la schifose speculazion edilizie dal 1971 che cetant dan e à causionât ae nestre comunitât par vie di chei sorestants corots e cun muse rote che si meretaressin minimo la preson si no fossin aromai ducj muarts di vecjaie e sapulîts tai lôr mausoleus bielonons dulà che mi vignarès la tentazion di cagâi parsore si no fos che jo soi ben educât e rispietôs dai puescj publics e o ai plui di cualchi amì pront a confermâ che cheste mê afermazion e je vere e a dîlu di front a ducj chei che a vessin l'ardî di criticâmi cence fidâsi de mê esemplâr sinceritât cognossude no dome in Italie ma ancje indut il rest dal mont o almancul in tai paîs dulà che o ai lavorâ salt e onest tant che diplomatic in maniere di meretâmi come ricognossiment degn par il gno operât la partignince al Ordin de Cjalce Fine che il document mi fo consegnât de ferbinte Regjine Mari in persone che intant che mi strenzeve la man o sintii che e jere cjalde.
di Checo Tam


N. 12
Essere Ciccio Manzini
La pioggia insisteva da giorni, lordando strade e marciapiedi due piani sotto di noi, e la mano chiusa a pugno del bestione dalla mascella squadrata e alito di tombino sulla mia faccia anche; e non smetteva, insultandomi, Manzini di merda, diceva, non smetteva, tre denti saltati, non smetteva, Manzini del cazzo, urlava, non smetteva, labbro spaccato, non smetteva, richiedendo attenzione, invocando Manzini in continuazione; e io avrei voluto rispondere alle sue domande sul carico di droga scomparso, sebbene il sangue intasasse la mia bocca, nonostante le tremende fitte di dolore, avrei voluto dirgli chi aveva tagliato la gola al “Rogna”, chi aveva cercato di rapire il fratello per bene, calzolaio, ma più di tutto avrei desiderato indicargli il luogo dove si era nascosto Don “Sanguinaccio”, il fottuto padre di Manzini, ma non sapevo nulla, cazzo, ricordavo a malapena la mia faccia, ero sicuro di chiamarmi Di Nardo, quello sì, e ricordavo benissimo di essere uscito poche ore prima da quella lurida clinica di ricostruzione facciale dopo l’incidente in moto; le facciamo un prezzo di favore, mi aveva informato quel dottore dagli incisivi anneriti e il ghigno di ferro, poi avevo visto avvicinarsi la maschera per anestesia ed era arrivato il buio, la stessa oscurità che cercava di avvinghiarmi e schiacciarmi ora; non sono Manzini, bofonchiai con l’ultima riserva di fiato, ma il bestione non mi ascoltava più, fischiettava Depeche Mode, intento ad affilare i suoi grossi coltelli.
***
Jessi Ciccio Manzin
La ploie e insisteve di dîs, incragnosint stradis e marcjepîts doi plans plui in jù, e la man sierade intun pugn dal besteon cul mustic cuadrât e il flât di tombin su la mê muse ancje; e nol fermave, ofindintmi, Manzin di mierde, al diseve, nol fermave, trê dincj saltâts vie, nol fermave, Manzin dal caz, al businave, nol feermave, lavri rot, nol fermave, domandant atenzion, invocant Manzin di continuo; e jo o varès volût rispuindi aes sôs domandis su la cjame di droghe scomparide, cun dut che il sanc mi jemplave la bocje, cun dut il mâl trement, o varès volût disi cui che al veve taiât il cuel al “Rogne”, cui che al veve cirût di rapî il fradi di sest, cjaliâr, ma plui di ogni robe o varès volût mostrâi dulà che si jere platât Don “Sanganel”, il pari dal caz di Manzin, ma jo no savevi nuie, caz, mi visavi a malepene la mê muse, o jeri sigûr di clamâmi Di Nardo chel sì, e mi visavi benissim di jessi lât fûr di pocjis oris di chê luride cliniche dulà che ti tornavin a fâ la muse dopo vê vût l’incident di moto; i fasin un bon presit, mi veve dite chel miedi cui dincj neris e la ghigne di fier, e dopo al veve viodût svicinâsi la mascare pe anestesie e al jere rivât il scûr, la stesse oscuritâ che e cirive di intorteâlue e scliçâlu cumò; no soi Manzin, bufulai cul ultin spêl di flât, ma il besteon no mi scoltave plui, a sivilave i Depeche Mode, dut cjapât a uçâ i siei grues curtìs.
di Massimo Muntoni

N. 13
Studia!
Studia, studia, bisogna studiare parecchio per farsi strada nella vita, mi dice un giorno sì e l'altro anche mio padre, che ha una laurea in ingegneria e lavora a mesi alterni come venditore di pentole in un outlet.
***
Studie!
Studìe, studìe, i vûl studiât une vorone par fâsi strade inte vite, al mi dîs une dì sì e e une no gno pari che al è laureât inzegnîr e che al lavore un mês sì e un no a vendi pignatis intun outlet.
di Laurin Zuan Nardin


N. 14
Mira
Puntò la pistola contro suo figlio e schiacciò il grilletto: l'acqua schizzò sulla fronte.
***
Smicje
Al pontà la rivoltele cuintri so fi e al fracà il grilet: la aghe i sclipignâ sul cerneli.
di Crescizz

N. 15
Io penso
Quando sempre più spesso penso a mia madre nei nostri trascorsi grigi e austeri, io la penso, ma non farlo, quando la vedo in tono e colore celestiale, è un pensiero da non pensare.
***
Jo o pensi
Cuant che simpri plui dispès o pensi a mê mari intai nestris passâts grîs e sevêrs, jo la pensi, ma no fâlu, cuant che la viôt in tinte e colôr celestiâl, al è un pensîr di no pensâ.
di Alberto Degano

N. 16
Svindic

Dopo vê cjalât intai voi il zovin lari, il vecjo sorestant dal repart investigatîf nol à pensât dôs voltes e dome pocjes peraules a son saltades fûr da sô bocje: scjampe e vîf content, prin che ti cjapin!
***
Vendetta
Dopo aver guardato negli occhi il giovane ladro, il vecchio responsabile del reparto investigativo non ebbe dubbi e poche parole uscirono dalla sua bocca: scappa e vivi felice, prima che ti prendano!
di Massimo Furlani

N. 17
Black Out
Un corto circuito spense la luce in fondo al tunnel, e inferno per tutti fu.
***
Fastidi eletric
Un fastidi eletric al studà la lûs insomp de galarie, e par ducj infieral fo.

N. 18
Tu ti visarâs di ce che ti diseve tô pari
Cundut che dopo di tancj agns di ativisim Vigji al fos cumò vieli, disdât e plen di marum, e avonde pintût di vê refudât il las e chel puest di dirigjent te aziende di famee, e aromai ancje sigûr che su la nature umane al ves reson chel imprenditôr cence piç di scrupul di so pari, ben, nol leve dubi che il rimuars plui grant lu sintìs Gjova, il so compagn di banc dal liceu, che dopo vê fat fortune come avocat di impuartants ecomafiôs e jessi stât discognossût di ducj i parincj, al assisteve al funerâl di sô fie muarte di cancar a vincj agns.
***
Ti ricorderai delle parole di tuo padre
Sebbene dopo tanti anni di attivismo Luigi fosse ormai vecchio, malandato e pieno di amarezza, e anche abbastanza pentito di aver rifiutato l'eredità e quel posto da dirigente nell'azienda di famiglia, e oramai convinto che sulla natura umana avesse ragione quell'imprenditore privo di scrupoli di suo padre, ebbene, non c'era dubbio che il rimorso più grande lo provasse Giova, il suo compagno di banco del liceo, che dopo aver fatto fortuna come avvocato per importanti ecomafiosi, ed essere stato disconosciuto da tutti i parenti, assisteva al funerale di sua figlia morta di cancro a vent'anni.
di Pablo Gortan


N. 19
Amor perVersus

A pene che la lune jevant e mandave un busson al soreli, fasintlu deventâ dut ros, jê e cjapave lis clâfs platadis sot il jet e daspò e vierzeve il scanselut dal scritori, indulà che, scuindude sot di vecjis cjartis, e tignive la “sô robe”, chê passion che bielzà di agns i stave dant al cjâf e che la segregave in cjamare, là che e passave dut il timp, vivint dome par chê ossession che la faseve lâ intun altri mont, discrotantsi e rivistintsi denant di int simpri diferente e gjoldint cence tirâ flât di chês storiis, dutis sôs e dome par jê, ancjemò plui segretis di chê volte che sô mari le veve fate finì su un gjornâl, pensant di judâle e riscjant scuasi di copâle: no, chês contis che jê e scriveve no saressin mai plui ladis in man a letôrs scognossûts e nissun i varès mai podut meti dongje la peraule fin.
***
Amor perVersus
Non appena la luna sollevandosi mandava un bacio al sole, facendolo arrossire, lei afferrava le chiavi nascoste sotto il letto e apriva il cassetto dello scrittoio, laddove, nascosta da vecchie scartoffie, celava la "sua roba", quella passione che già da anni le dava alla testa e la segregava in camera, dove trascorreva il suo tempo, vivendo soltanto per quella ossessione che la portava in un altro mondo, spogliandosi e rivestendosi davanti a persone sempre diverse e godendo a perdifiato di quelle storie, tutte sue e solo per lei, ancor più segrete da quella volta che la madre l'aveva fatta finire sul giornale, credendo d'aiutarla e rischiando invece d'ucciderla: no, i racconti che scriveva non sarebbe mai più finiti nelle mani di lettori sconosciuti e nessuno avrebbe mai potuto accostarvi la parola fine.
di Fûc Seren


N. 20
Le ultime parole di Cristo a Minosse
"Lei non sa chi sono io!"
***
Lis ultimis peraulis di Diu a Minòs
"Lui nol sa cui che o soi jo!"
di Fabrizio Vercelli

N. 21
Incontri
Quando la palla rotolò, ricordai le parole di mio padre, affondai il piede sul freno attendendo che l'infanzia corresse avanti a me.
***
Incuintris
Cuant che la bale e rodolà, mi tornarin in inment lis peraulis di gno pari, cjacjai il pît sul freno spietant che l'infanzie e corès vie denant di me.
di Cristina
FINE

4 commenti:

  1. Belli!!!!!
    Certo che ho tentato di leggerli in dialetto ma.... urca!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      e comunque non farti sentire a chiamarlo dialetto, che è una lingua, e si sa, siamo sensibili su questo tema :)

      Elimina
  2. Si saie alc dai vincitors?

    RispondiElimina