Etichette: , ,

"Non mi uccidere" di Chiara Palazzolo***

pag 427 - € 4.90
Editore: Piemme
Collana: Pocket


Ho comprato questo libro perché c’erano i Pro e i Contro, e nonostante io sia un po’ allergico alle trilogie, e alle cose a puntate in generale.
L’ho letto veloce e l’ho letto bene: leggero e vivace, con piacere d’adolescente, e adesso li vedo meglio, questi Pro e questi Contro.

Pro: Questo libro è un Horror! Ma un horror vero, non uno di quelli travestiti da thriller, da fiaba nera, da leggenda antica, da dramma storico. Un horror con tanto di nuovi personaggi, i Sopramorti, e di nuovi cacciatori dei mostri, i Benandanti.

Contro: Eh, già, nuovo personaggio, certo. Ma è un mix fra vampiri e zombi, fra bestie e mutanti. Un mix, mica niente di nuovo. Un bel frullato di horror-i classici e nulla più.

Pro: Come se fosse facile inventare qualcosa. E poi qui siamo in Italia. Qui c’è Perugia, c’è Roma, c’è l’Appennino. E ci sono i giovani. Quelli scoppiati e quelli normali, quelli drogati e quelli sfigati. C’è la tecno, ci sono i locali, l’università, i genitori. C’è l’Italia media, insomma, quella di tutti. È Horror italiano, al 100%!

Contro: E c’è l’amore. Stucchevole e adolescenziale, fatto apposta per gli adolescenti. Questo è una specie di Moccia versione horror, bisogna confessarlo. Scritto facile per menti facili. Una specie di ruffianata, curata a tavolino, con il germe del marketing fin dalle prime pagine. Qui si è mirato bene, prima di sparare.

Pro: E allora? Scrivere è (soprattutto) intrattenere. Raccontare storie. E questa è una storia. E partirà anche da un amore adolescenziale, ma quanto altro c’è dentro? C’è rabbia, c’è un horror che non tracima mai nello splatter, ci sono idee, ci sono personaggi, ci sono storie intrecciate, c’è un pizzico di poesia. Ci sono anche atmosfere gotiche e almeno per metà libro c’è anche il ritmo. E poi qui siamo dal punto di vista dei cattivi. E si tifa per i cattivi. Si diventa più cattivi, ed energici leggendo. Poco originale, forse, vedere le cose dall’altra parte della barricata, l’avranno giù fatto a migliaia, ma è abbastanza per dire che non è solo un romanzo per ragazzi. Questo è un romanzo horror, che forse, è anche per ragazzi.

Contro: E la pacchianata della trilogia, che fa tanto Eragon, che fa tanto “una ciliegia tira l’altra”, con la copertina ruffiana, con la lecchinata della storia d’amore che pare imprigionare il lettore e selezionarlo prima dell’acquisto, come a voler scansare quelli che potrebbero criticare? Un cuore nero travestito da “harmony”?

Pro: Direi che è una ruffianata se il libro fosse uno di quei casi uno+uno+uno; ma qui siamo di fronte a un disegno complessivo preordinato, con una sinossi già decisa in partenza. Basta vedere questo primo episodio, che non ha un finale. Semplicemente si interrompe. Ed è la stessa Palazzolo (vedi intervista sul Mucchio Selvaggio di questo mese) a confermarlo. Inoltre non pare affatto una sprovveduta, ma una che ha faticato e ce l’ha fatta faticando. Che quel che ha fatto l’ha pensato a lungo e l’ha costruito. E che nulla è per caso. E che certo, se ha deciso di sfruttare la corrente ascensionale del thriller mescolata all’horror e all’idea di romanzo (quasi) di formazione, l’ha voluto. E nulla c’è da rimproverarle. Anzi. C’è da ringraziarla per tutte le porte che questa trilogia sta aprendo all’horror italiano, quello vero. Anche se non è ancora quello colto.

Contro: Ok. Ma veniamo al libro. E lo stile? No, voglio dire. Che stile è?! Frasi e frasette continue e ripetute. Paratassi su paratassi. Verbi in vacanza. Frasi spezzate come Andrea De Carlo usava 10anni fa. Un fastidio per il lettore. Sono volute? Sono la ricerca di uno stile o di una sperimentazione? Ma… viene il dubbio. E poi… 430pagine! Andiamo… troppe!

Pro: Obiezione ridicola. Lo stile è uno stile. Facile accorgersene. Bastano le prime righe. Le frasi brevi non sono a casaccio, e via via che Mirta comincia a riprendere coscienza si allungano. Così come, man mano che Mirta cede il posto a Luna, anche il lessico cambia, sia di tenore che di registro. E tutto questo non è casuale. E se forse un 30-50 pagine in meno, soprattutto in alcuni tratti, potevano giovare, c’è da sottolineare l’abilità nel reggere un romanzo di oltre 400pagine in prima persona, con uno stile particolare, eliminando i dialoghi e riuscendo ugualmente a dare vivacità a quasi tutte le scene. Di errori poi, non se ne vedono e le incongruenze sono ridotte al minimo. Se ci aggiungiamo che l’autrice, in tutte queste pagine è riuscita a ridurre a una(!) volta sola l’espressione “Mirta la morta”, beh… tanto di cappello

Contro: Beh, insomma. Al minimo non direi. Questa si fa fuori mezza Umbria e nessuno la becca. La gente esce di casa come al solito, la polizia, sparuta, gironzola qua e là con indagini di routine. Andiamo su!

Pro: È un horror, mica un noir! C’è verosimilità nelle cose che servono, in quello che può o non può fare un sopramorto, nel modo in cui, da autodidatta, la protagonista lo scopre. C’è verosimilità nei personaggi e nei dialoghi. Ed essendo una prima persona, quel che vede la protagonista è giustamente ed evidentemente lontano dalla realtà. Non sarebbe stato corretto, il contrario.
E concludo, visto che le critiche sono deboli e capziose, che è tutta questione di aspettative. Se si vuole valutare il romanzo come l’erede di Poe, allora no, non ci siamo. Ma se cercate un romanzo horror, ambientato in Italia, con personaggi italiani, con uno stile originale e fresco, con una storia d’amore che si trasforma presto in lotta per la sopravvivenza, in ricerca dell’identità, nel rapportarsi agli altri, e che nel fare questo parla di diversità, di rabbia giovanile, di pochezza umana, di storie di tutti i giorni, senza perdere mai di vista l’obiettivo principale, ovvero intrattenere, beh, allora ci siamo, questo romanzo ha centrato l’obbiettivo.
Inoltre, nonostante la visione a tratti ingenua delle cose, nonostante qualche ruffianata di troppo, nonostante il bel vestito tessutogli dall’editoria e dal marketing, è un romanzo che dopo l’ultima pagina riesce a regalare quell’ebbrezza adolescenziale, quella voglia di essere un super eroe o, in questo caso, un sopramorto. Insomma, “Non mi uccidere”, come direbbe Paco, l’ha sfangata, e l’ha sfangata alla grande.

1 commento:

  1. Diciamo che se non hai tu le idee chiare.
    Comunque questi libri sono piuttosto vecchi e - credo- lontani dall'ideale 'trilogicità' del nuovo millennio.
    Poi quello intelligente sei tu mi saprai dire.

    RispondiElimina