Etichette: , , ,

"Punizione di emergenza" di Marco Siena (epub)***

Bene... è lunedì, è tardi, e oggi ho deciso che devo essere un po' più pesce, un po' più gazza e un po' più civetta.
Lo so, lo so... che io sia più muto, ladro e sveglio poco vi importa, ma era un modo come un altro per cominciare a scrivere questo breve post su un breve ebook.
Un epub che ho letto tra venerdì e sabato scorso, non so nemmeno perché... anzi, sì, forse ricordo... devo averlo aperto, sul reader, dopo aver parlato del raccontino dello spilungone alabardato, e aver visto che era solo una quarantina di "pagine" digitali.
E ve l'ho già detto che ho un debole per i racconti autoconclusivi che riempiono un ebook? No? Ora sì.
E ho un debole anche per Marco Siena, che mi ritrovo come amico di facebook e che mi allieta sempre con un reciproco piacere per un certo tipo di musica e il piacere per i cocktail e le cazzate intelligenti e insomma... una sorta di affinità distrattive di questo genere.

Certo... non è per questo debole che ho letto il suo racconto, ma diciamo che ho avuto il piacere di trovarlo subito gradevole, ed essendo una storia gestita in prima persona, di avere una sorta di indizio su questo narratore/protagonista e sul suo carattere.
Che insomma, alla fine, il faccialibro sarà pure molto easy e un labirinto di superfici, ma con occhio lontano, un'idea di chi c'è dall'altra parte del monitor, te la fai.
Ecco perché sapete cosa faccio adesso? Smetto di ascoltare cosa stavo ascoltando (kashmir, degli zeppelin, da celebration) e mi metto sul tubo a cercare qualcosa che piacerebbe pure a Marco, o magari di adatto a questo due storie (collegate) di Punizione di Emergenza.
Che ne so, tipo Lukin in acustica, ma perché no, un'adattissima Life wasted, che poi insomma... non so perché mi fa pensare a quella che potrebbe essere una soluzione a questa nostra esistenza malata... 

E insomma, forse è proprio questa la genesi: il desiderio di ripulire tutto, di ricominciare, di avere una forza dall'esterno che arrivi in questo mondo di stronzi e faccia pulizia, li punisca, senza andare troppo per il sottile. E chi meglio potrebbe farlo se non un commando di alieni, che su dischi volanti che sembrano ciambelle decino di incenerire chi se lo merita e prendere a prestito un po' di braccia di quelli che restano, salvo poi ripagarli con un mondo migliore.
In fin dei conti, basta poco per un mondo senza stress e in cui si lavora per piacere di sopravvivere ma senza l'assillo della sopravvivenza, in cui, ciò che stava succedendo, il word wide suicide, viene sostituito da una umanità controllata da degli alieni che richiamano l'idea di dittatore illuminato...
Come dite? troppo serioso? Col cazzo!

Si ride, in questo breve bi-racconto.
Si ride parecchio con i tre personaggi imbastiti per venire a patti con l'invasione aliena. Il Meglio e Tazzagrande, assieme al protagonista, sono un ottimo trio e anche i personaggi marginali, come la figona di turno e il vip prestato alla manovalanza d'oltre galassia. 
E vi dirò, che oltre alla piacevole costruzione dei personaggi, l'altro aspetto positivo è una scorrevolezza che me lo ha fatto leggere di filato, curioso e coinvolto. E non sarà nulla di che, né la trama, né la scrittura (a proposito, sto ascoltando Would) ma il fatto che sia coinvolgente e rapida non è pregio da poco. Si sa... annoiare è dietro l'angolo, se decidi di raccontare una novella di fantascienza sociale, e qui non mi sono annoiato mai, anche nella riproposizione dei cliché narrativi come il raggio dal disco volante o l'arrivo (volutamente) stereotipato degli alieni.

Quindi insomma... se volete farvi due ghignate, con una lettura agevole e leggera, rapidissima, ma non superficiale, direi che scaricare questo epub è un buon modo.
E ora basta, sennò quell'altro si monta la testa e finisce per scriverne uno spin-off con protagonisti il Meglio e Tazzagrande. 

1 commento: