Etichette: , , ,

"Il treno di Moebius" di Alessandro Girola***

Di questi tempi leggo poco, è la norma, e anche se leggere sull'ereader mi dà più soluzioni, anche lì vado a rilento. Però leggo, e leggo soprattutto racconti.
Sabato, per esempio, decidendo di smaltire la cena facendo un cazzo, ho terminato Ucronie impure, e subito dopo, perché volevo una roba corta, ho letto il mio primo Girola, seriamente.
Girola Alessandro, ovvero McNab, il blogger più blogger del mondo, anzi, dell'orlo del mondo, che adesso si è trasferito a Plutonia experiment, così se non lo sapevate ancora, ve lo dico io.

Comunque, Alessandro è iperproduttivo, in quasi tutto quello che fa, e quindi anche nell'autoprodursi ebook, soprattutto adesso che si stanno aprendo le porte dei Pub e della digitalità.
E se c'è una cosa che Alessandro non snobba e anzi, sostiene, è la forma racconto.
Ecco perché, di tutti i Girola che mi leggerò sull'ereader, in formato ePub, ho deciso di cominciare da questo.
"Il treno di Moebius" è un racconto di una quartantina di pagine che mescola varie cose - come ci dice l'autore nella piacevole introduzione. Un treno che sparisce, entrando in una galleria degli Apennini e non uscendone più, Ferrovie dello stato che nasconde, le autorità che nicchiano e una troupe televisiva che decide di farci un servizio, anche se magari potrebbe venirne fuori una bufala.
E' bravo, Alessandro, e si è fatto le ossa.
Avevo letto alcune sue cose vecchie, quando era ancora un po' frettoloso, e vi dico senza remore che adesso ha una mano sapiente nel mescolare elementi (weird + modernità, suspence + horror/fantastico) e inserirli in una struttura pesata, gestita bene, senza tempi morti e senza accelerazioni sbagliate. Questo raccontino è davvero un prodotto molto fruibile, e forse l'unica critica che gli posso muovere, a parte una certa sbrigatività del finale, è l'idea di fondo, che non fa altro che mescolare i soliti temi. Ma lo fa in maniera sapiente, e quindi, siccome non siamo certo qui a rivoluzionare il mondo della letteratura con un ebook da 40 pagine, questo racconto è, semplicemente, bello.
Una gradevole storia, che merita di essere raccontata.
Non vi dico altro, se non che è molto scorrevole e l'epub è di ottima fattura. Alla fine, pur con la misura che ha, questa lettura lascia soddisfatti.
E' tutto cari, al prossimo pub!

5 commenti:

  1. Sta per arrivare il seguito, comunque. ;)

    RispondiElimina
  2. Cioè? L'autocarro di Moebius? La carrozza? La nave?
    :)))

    RispondiElimina
  3. ottimo! non vedo l'ora, e poi voglio la Guzzi Falcone di Moebius, e anche il monopattino!

    RispondiElimina
  4. Io voglio gli Sci di moebius che si attorcigliano su se stessi e non finisco mai la pista!

    RispondiElimina