Etichette: , , , , ,

100 LIBRI PER SEMBRARE FIGHI Esempi e modus operandi

Ci siete? Avete letto il post con le regole? Avete già qualche centinaio di titoli che vi frullano per la testa e non vede l'ora di cominciare? Bene. Anzi: molto bene!
Però non è ancora ora. Ho bisogno ancora di questo post, per fare le cose per bene.
Perché io è da quasi un mese che sto tediando il mio intorno con questa discussione, e qualche precisazione o dubbio - perché il progetto venga meglio - è opportuno riportarlo.
Cominciamo con...

QUALCHE ESEMPIO

Cosa permette, in generale, a un libro di far sembrare fighi i suoi lettori? Nelle regole si dice che un libro rende fighi tanto più i suoi contenuti siano conosciuti e diffusi presso quelli che non l'hanno letto.
Ma diamo qualche elemento in più.
Ci sono diversi fattori che concorrono a questo risultato, che possiamo elencare in ordine sparso:
la presenza di uno o più trasposizioni cinematografiche e/o televisive;
  • l’apporto di rappresentazioni entrate nell’immaginario collettivo;
  • l'essere opera di autori consegnati alla leggenda o divenuti “di culto”;
  • i contenuti che hanno coniato termini, modi di dire, nomi, etichette…;
  • l’essere dei top-seller;
  • la longevità di lettura;
  • l’essere continuamente citati (canzoni, altri libri, battute…) e/o parodiati;
  • il fatto che, per un qualsiasi motivo, “se ne parli”
Non solo questi, ovviamente, ma dovrebbero bastare a rendere l’idea.
Per chi mi dice che "tutto è relativo" diciamo che l'idea di figaggine ivi rinchiusa potrebbe essere in buona parte derelativizzata utilizzando un approccio matematico-statistico, che però, a parte richiedere qualche mese di studio e non essere applicabile in toto, ci toglierebbe gran parte del piacere della discussione.
Per gli amanti della statistica, però, vi lascio solo immagine che si potrebbe assegnare un coefficiente a ogni variabile, rendendoli a somma uno e pesandoli adeguatamente... Certo, sulle vendite, sarebbe fattibile, mentre su altri no, ma qui siamo lettori e preferiamo il cazzeggio alle varianze

Nel caso non bastassero queste chiacchiere, approfondiamo con alcuni casi reali, presi dai pensieri che hanno generato il post che verrà.

Libri imprescindibili
Prendiamone uno facile: 1984 di George Orwell. È imprescindibile perché è un libro bello? No. È imprescindibile per la serie di trasmissioni televisive denominate “Grande Fratello” che sono cultura generale. Aggiungiamoci poi che è un libro culto, storico, di un autore “di culto”, precursore di concetti e paure che poi si sono avverati e, alla fine sì, è anche un bellissimo libro… Entrerà nella lista.
E come lui entreranno “Frankestein”, “Dracula”, “Alice nel paese delle meraviglie”, “Peter pan”, “Lolita”, “I Promessi Sposi”… Ci siamo capiti.

Autori imprescindibili
Forse i loro libri non sono conosciuti come il loro nome, ma sono quei tipici autori per i quali la frase “Ma come? Non hai mai letto niente di X?” ci fa sentire ignoranti. Poi magari chi ce la dice, di X, non ha letto un cazzo, ma noi non abbiamo nemmeno il coraggio di dubitare. Un nome? Pasolini, per esempio. Quanto si parla di PPP? Quanto lo si cita? Quanto ci si riempie la bocca? Eppure, in verità, quanti hanno letto veramente Pasolini? (letto non significa possedere un suo libro e averlo sfogliato)
Ecco, per questi motivi, Pasolini entrerà nella lista. Stessi discorsi si potrebbero fare per gente come Fante, Dostojevsky, Kafka, Bukowski,

Immagini e immaginario collettivo
Il Dr Jeckill e Mr Hyde. Avanti, su, alzino la mano quelli che non sanno cosa si intende quando si cita questa immagine. L’idea del doppio, della metà cattiva, è ormai nel nostro immaginario collettivo. È un modo di dire, una frase usata in canzoni e articoli di giornali. E chi lo ha scritto? Ecco, sì, Robert Luis Stevenson. E allora questo libro ci va. Ma Stevenson ha scritto anche un sacco di altra bella roba. “L’isola del tesoro” tanto per dirne uno che tutti, a scuola, hanno letto. Eppure, tra i due, è il primo che probabilmente ha più impatto, è il primo che fa più figo aver letto veramente; il secondo sarà la prima riserva.
E se pensate a un pazzo che fracassa una porta con un’ascia? A chi state realmente pensando? A Jack Nicholson? No, cari, la risposta, per quel che ci riguarda, è “Shining” di Stephen King, anche se sarà una bella lotta con “Pet Sematary” e con “It”. Però se ci aggiungete che in Shining abbiamo anche il bambino che pedala sul triciclo, le due gemelline… C’è da discutere, sì, ma quel che è certo è che King e Stevenson entreranno nella lista.

Vendite, fama, citazioni
Qui probabilmente si può litigare, ma ci sono libri che tutti possiedono o di cui tutti hanno parlato. I best seller a volte sono molto più di best: sono una malattia. Non è possibile ignorarli. Un paio di esempi per tutti: Harry Potter e il Codice da Vinci, entrambi vendutissimi e citatissimi. Piaccia o meno, dovranno entrare nella lista. Per disprezzare bisogna conoscere, e non snobbare. E nostro malgrado, bisognerà accettarlo, anche la Meyer probabilmente avrà il suo seggio... e anzi, avremo bisogno di qualcuno che li ha letto tutti, per capire che libro di meravigliosa fama sia più adatto.

Nel caso di apparente parità
Ammettiamo di aver deciso che un pilastro come Jules Verne debba fare parte della lista. Il problema, però, sorge subito: con quale titolo? “Ventimila leghe sotto i mari”, “Il giro del mondo in ottanta giorni”, “Viaggio al centro della terra”… qui il gradimento è soprattutto una questione di gusti, certo, ma… dire Capitano Nemo quanto è potente? Quanti locali che si chiamano Nautilus ci sono, sparsi per il mondo? E i cartoni animati? E la piovra gigante? Ecco i discorsi da fare nel caso di apparente parità.
Ecco perché probabilmente si vedrà prevalere Fight club, sugli altri romanzi di Palahniuk.
Ecco perché potrebbe prevalere Moby Dick sugli altri Melville o “Canto di Natale” sugli altri Dickens.

Bene... Come vi sembra? Tanta roba, eh? :)
Ora direi che siamo pronti, e da buon padrone di casa e organizzatore, ecco...

COME PROCEDEREMO

La prima fase sono cinquanta libri/autori imprescindibili.
Libri/autori che dentro alla lista devono starci, libri che senza alcun dubbio fanno sembrare fighi.
E' logico che questa prima metà è figlia della mia scelta, della mia percezione del mondo e delle mie indagini preliminari. Però dovete, inizialmente, accettarla, anche se non è definitiva.
Qui si discuterà soprattutto su quale sarà il libro scelto e quali, nel caso, le riserve. Si potrà, certamente, proporre qualche candidato per la radiazione dalla lista dei 100, ma sarà difficile.
Non si discuterà, invece, su libri/autori esclusi da questa prima tranche e che secondo voi ci devono essere: sappiamo già che è così, inutile parlarne adesso.
In questa prima tappa di discussione saranno proposti 40 stranieri e 10 italiani.

La seconda fase vede la proposta di altri cinquanta libri che completano il centinaio, e di qualche escluso. La discussione, è ovvio, riguarda il completamento della cinquantina definitiva. Questa sarà la parte più complessa, ma anche la più divertente.
Non sarà una questione di difendere le proprie letture, ché non c'è niente da vincere, ma di capire oggettivamente quali sono i libri sacrificabili.

E con gli esclusi, eventualmente, si aprirà una terza fase, se è il caso di confrontarli con i cinquanta. E non è da scartare, durante il processo, l'utilizzo di qualche questionario ad hoc.


Dopo tutto questo dovrei avere abbastanza elementi per stilare la lista da discutere dei 
100 LIBRI PER SEMBRARE FIGHI. 

Ripeto: sarebbe bello che in molti partecipassero alla discussione. Anzi, moltissimi. A prescindere dai gusti,o dalla cultura.  
Questo è un divertissement per lettori, per appassionati di libri. 
Per tutti quelli che inorridiscono quando sentono i ragazzini credere che il Grande Fratello lo abbia inventato la TV e il Signore degli Anelli sia un bel film, da cui poi hanno fatto anche il libro, ma è venuto troppo lungo. Per lettori di genere e di romanzi sociali, di fantasy e di libri per ragazzi, di libri colti e di libri di intrattenimento. C’è bisogno di tutti, anche solo per dire: “Ho visto la lista, mi sembra buona, ciao”.
Un parere, anche se concorde, sarà un piccolo valore aggiunto.

A COSA SERVE TUTTO CIÒ?

A un cazzo, come tutte le cose belle della vita!
Sarà una lunga scusa per parlare di libri, per arrivare a una lista da cui pescare per sentirsi più colti e più fighi, oppure più cazzeggiatori, che poi è lo stesso. Sarà un modo per conoscere meglio alcuni autori, o perché no, alcuni blogger. Un modo per consegnare ai noi stessi a ai lettori italici un vademecum minimo del lettore figo ex-2010; per far venire voglia di leggere qualcosa che a lungo si è ignorato; per diventare perfetti gigolò o chissà per qualche altra diavoleria.
Alla fine, mi riservo il potere di decidere sulle ultime controversie irrisolte, ma mi impegno a riassumere tutto in un articolo definitivo, da leggere, scaricare e diffondere.
Direi che è tutto...
Dài, vediamo quanti siamo ai blocchi di partenza. Ci siete?

Comincio io:
Raffaele gelostellato Serafini, c'è.

37 commenti:

  1. Ma tu sei fuori come un poggiolo!

    Ok, ci sto! ;)

    RispondiElimina
  2. io avevo anche fatto falsa partenza!

    ci sono e credo di aver assimilato la definizione di libro "figo". in fondo sono quelli di cui devi millantare la conoscenza con le squinzie.

    RispondiElimina
  3. E ci sto pure io! Ma la lista come va preparata? A casa e poi postata qui, come commento? Via email a Gelo? Stampata e faxata?

    RispondiElimina
  4. bravi, voi mi date davvero soddifazione :D

    la lista di proposta discussione è già pronta ;)
    E domani arriva...
    sennò si rischiava di metterci secoli ed essere dispersivi
    comunque
    tutto quanto vi viene in mente, e vi segnate, servirà...
    e parecchio :)

    (e per la cosa delle squinzie... mmm mica ho detto che te li devi leggere, piscu. Oh sei un gigolò? :)

    RispondiElimina
  5. ok ok
    solo perché non serve a un cazzo
    come tutte le cose belle della vita
    :-)

    io mi sa che cento libri tutti insieme non li so nemmeno immaginare
    figuriamoci roba che ha a che fare con la ficheria
    comunque
    vedrò di dare il mio contributo
    :-)

    RispondiElimina
  6. ah no, scommetto che 3/4 di quelli che saranno nella lista non li ho letti e non vorrò mai leggerli, ma quello delle squinzie penso sia un altro valido di criterio per i titoli "parafighi" (nel senso che paiono fighi).

    RispondiElimina
  7. Interessante esperimento.

    Ricordo il primo degli autori imprescindibili per essere fighi: Milan Kundera.
    Venne citato in una trasmissione-cult di Renzo Arbore a metà anni '80, e balzò in testa alle classifiche di vendita "a prescindere".

    E poi naturalmente Eco.
    Come, non hai letto l'ultimo Eco?

    Quando lavoravo come centralinista in un call center, il direttore del personale mi beccò che leggevo Il Pendolo di Fucault sul posto di lavoro, e invece di cazziarmi mi fece i complimenti.

    RispondiElimina
  8. bravo davide.. vedo che hai colto subito
    e in effetti sia Eco e Kundera, domani, sono stati proposti
    però ti dico
    che
    non è tanto il pendolo, secondo me, il libro titolare, ma il nome della rosa

    e su kundera
    parli dell'insostenibile leggerezzza, ovviamente... :)
    comunque
    ti aspetto!

    RispondiElimina
  9. Io ci sto (sono un ragazzo facile, che ci vuoi fare) anche se come ha detto Piscu, la maggior parte non li avrò letti. Comunque i miei titoli ce li metto, devo solo far mente locale. Ecco, la Meyer l’ho letta, anche se mi manca l’ultimo, che è così incredibilmente brutto che me lo trascino da un anno, però se serve una decisione sul più figo (mi viene il reflusso gastrico a fontanella), ti do una mano a scegliere.

    RispondiElimina
  10. ma guarda giuda
    in realtà è proprio di gente che non ha letto i libri che ho bisogno
    per dire
    ti anticipo qualcosa:
    peter pan
    king kong
    tarzan
    li hai letti?
    no?
    quindi non sai di che parlano, vero?
    ecco, ci siamo capiti. ;)

    e per la meyer, conto su di te!

    RispondiElimina
  11. No, nessuno dei tre infatti. °__°
    Bene, la mia ignoranza è al tuo servizio. XD

    RispondiElimina
  12. Alè faccio scattare subito la pre-rissa: Io sono per il pendolo e non per il nome della rosa. E anche Eco è d'accordo con me visto che ha ammesso che... (suspence...)

    RispondiElimina
  13. Io ho letto L'insostenibile pesantezza! E anche il pendolo di Focault, quando è uscito mi ricordo che ero al liceo e vedevo dappertutto templari nascosti a complottare nelle viuzze

    Comuqnue secondo me sarebbe più divertente confessare i libri di cui ci vergogniamo

    RispondiElimina
  14. Io ci sono (credo, se ho capito bene). Domani rileggo e spero di capire meglio.
    Una lista di libri di cui tutti parlano e che pochi conoscono veramente, giusto?

    RispondiElimina
  15. @Michela
    direi perfetta, come sintesi :)

    @Marco
    non mi rovinare il gioco, quella l'hanno fatto ovunque come discussione, questa è una robbba seria :)))

    @gian
    allora vuoi litigare da subito eh?
    io dico che se prendi la gente e gli chiedi dimmi un libro famoso di eco e di cosa parla
    secondo me ti dicono il nome della rosa, più che Facault
    io per esempio l'altro non so nemmeno di che parli, e non li ho letti mica :D

    RispondiElimina
  16. Non ci ho ancora capito un cazzo(scusate sono ancora in modalità Survival Blog) ma penso che ci sarò anch'io.
    Vai che ci divertiamo.

    RispondiElimina
  17. Però Il Nome della Rosa l'hanno davvero letto in tanti,o comunque hanno visto il film, Il Pendolo di Foucault ha sempre avuto la fama di libro comprato in massa e mai letto...

    E invece è strafigo! La cabala, i templari, misteri complotti e cospirazioni, società segrete multiple, strani rituali, il Conte di Saint Germain, il vudù, scienza e pseudoscienza bislacca etc. etc.

    RispondiElimina
  18. se non hai letto il pendolo sono più strafigo di te, stronzone :P
    [sono già entrato nel cuore del post]

    RispondiElimina
  19. @Marco
    quindi mi dai ragione :) il pendolo è meno conosciuto, olè!

    @vampiro, tu come al solito non hai capito un cazzo, comunque ti perdono, so che è il massimo che puoi, non capire un cazzo :D

    @Nick
    Questo sì che è lo spirito giusto!
    Yeah!

    RispondiElimina
  20. chi ti dice che lo abbia letto?
    [fottiti :D ]

    RispondiElimina
  21. il vero dubbio è:
    ma tu sai leggere? :)

    [fottiti... mi fai venire in mente una battuta di un comico inglese riferita al nano: diceva che è uno che se gli dici fottiti lui... ci fa un pensierino! :) geniale!]

    RispondiElimina
  22. Credo di non aver capito nulla, soprattutto il perché tu vorresti mai imbarcarti in questa cosa gigantesca, però ci sono. :)

    RispondiElimina
  23. Beh ma allora non ci ho capito un cazzo nemmeno io. Che c'è di più figo di un libro che uno compra solo perché è un best seller e poi non legge perché (confessato dall'autore) le prime 100 pagine, quelle della descrizione del pendolo, sono scritte apposta per selezionare il lettore? Io l'ho letto tutto e vi giuro, a costo di essere linciato in pubblica piazza, che è uno dei libri più belli che ho mai letto (ero anche giovane ai tempi!), però quelle prime 100 pagine sono più pesanti del banner di gelo in cui si gratta il deretano. Giuro! Ditemi voi se c'è qualcosa di più figo di questo... (non di Gelo che si gratta, parlo del libro) ;)

    RispondiElimina
  24. Pecorella c'è!

    RispondiElimina
  25. Squinzie!?
    Tipo due corbezzoli appuntiti e l’insieme chincaglioso di una tizia lamellata argento, che Marlowe incontrerà in un casinò di Las Mesas e poi, avuto e dato a quella donna ciò che lei si aspetta, la guarderà allontanarsi dinoccolante i fianchi tra i tavoli da gioco, dove le palline, a volte, saltellano magnetiche comandate da un pulsante che…
    Gelo, roba da non credere, se non fosse che il terzo libro incentrato su Marlowe uscirà... il titolo? Calma, calma, ne hai già letti due e se non inserisci nella lista almeno...
    Insomma, se vuoi essere veramente
    un figo, sarai obbligato a farlo! Altrimenti: pistola in mano, e ti schizzo un getto di inchiostro che ti faccio un occhio viola :)

    RispondiElimina
  26. @Luigi
    direi che in quanto a pazzia, puoi starmi al fianco :D

    @Silente
    che tu non abbia capito... okay, vedi versione vampiro :)))

    @Gian
    mmm... mi tocca darti ragione, sul banner
    e in effetti anche su eco, ma quello che intendi tu, non è sembrare figo, è essere colti, non confondiamo. ;)
    e poi c'è il nuovo post, adesso, quello vero, per litigare :D

    RispondiElimina
  27. @Pecorella
    BRAVO!

    @Frank
    lo consideraro come un c'è
    anzi, ci siete, tu quello stramaledetto di Marlowe e tutte le pulzelle che gli girano attorno!

    RispondiElimina
  28. Ci sono, ci sono.
    E prima o poi metto anche la memeizzazione sul blog :O

    In realtà c'è solo un libro da leggere per sembrare fighi: I Corti Seconda Stagione ;)

    RispondiElimina
  29. Fab presente!

    Ora mi guardo la lista e vedo se posso contribuire.

    RispondiElimina
  30. Ho letto tutte le regole, ho capito poco o niente sul procedimento e tutto il resto ... ma ci sto :-)
    Tanto io navigo sempre a vista, quindi vi osserverò nel procedere della cosa e parteciperò al tuo folle progetto.

    RispondiElimina
  31. Ci proverò Gelo, ci proverò, nei rari momenti in cui la mia barca attraccherà a un porto, proverò a dare retta alla tua nuova follia. :)

    RispondiElimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Vediamo un pò cosa devo fare...sono passato di qui tramite Ferruccio.
    Che faccio aspetto la lista o sparo direttamente agli autori portando lo scalpo?...;-)

    RispondiElimina
  34. @Mark
    No, no tranquillo... non devi fare niente di tutto ciò :)
    La discussione è nel post successivo a questo (la prima parte, per ora)
    è lì che si commenta, per adesso ;)

    E grazie a tutti gli altri per la presenza!
    Diffondete, diffondete ancora! :D

    RispondiElimina