Etichette: , , , , , , , , ,

Le cose da fare vi seppelliranno

Oggi è una giornata da due post.
Cosa che non faccio quasi mai, anche perché mi accorgo di quanta fatica faccio io a seguire le cose che mi interessano.
Arrivo al paradosso di odiare quelli che scrivono cose belle e interessanti, ma lo fanno troppo spesso.
Io non son fatto così, non ci posso fare niente.
Con buona pace del fab (quello dell'ufficio stampa di Edizioni XII, sì) che vorrebbe che io mettessi le news quando me le manda, e magari con un post piccolo piccolo, tutto dedicato. Pensate che l'ho talmente esasperato, a forza di non fare quello che vorrebbe che facessi, che adesso mi fa mandare le mail dal suo tirapiedi... 
Non ho parole. :)
Comunque...
Comunciamo questo post di news of the word che mi permetterà di eliminare almeno 5 o 6 mail dalle mie poste arrivate.

Prima cosa, la più importante.
Con ottobre è uscita ufficialmente la raccolta di racconti di cui sono curatore e di cui vi ho parlato ogni tanto. i "CORTI - SECONDA STAGIONE" della cui copertina mi sto sempre più innamorando, soprattutto dopo che l'ho avuta in mano. Vi confesso, che mentre pubblicare i racconti qua e là non mi ha mai fatto un grande effetto (e forse dev'essere il motivo per cui non ho stimoli impellenti a farlo) il mettere insieme, gestire, cordinare e amalgamare questi RacCorti e vederne uscire qualcosa di abbastanza omogeneo e, comunque, al di sopra delle mie aspettative, mi dà molta soddisfazione.
Pensi che finalmente, per una volta, hai combinato qualcosa di buono.
E' un terreno rischioso, quello delle raccolte di racconti.
E' il terreno del "centinaio di copie vendute ad amici e parenti", il terreno del "due racconti belli e il resto tutta fuffa", delle "d eufoniche a pioggia", delle formattazione futuristiche, del racconto di "tizio perché è amico di caio", del "metti per primo quello bello", del "figurati se non c'era il racconto del curatore" e via di questo passo...
Beh, non troverete tutto questo.
Ecco perché, vedere che in fin dei conti, questo libretto piccolo, se non avessi la più pallida idea di cos'è, ma lo incontrassi per caso sul bancone di una libreria, di certo lo piglierei in mano e mi piacerebbe. Beh... è una soddisfazione doppia. Unico piccolo difetto, secondo me, e ve lo dico già io, potrebbero essere quel 7.90 del prezzo che sembra alto, è vero. Però fidatevi... ci abbiamo pensato parecchio e non si riusciva ad abbassarlo.
In fin dei conti, poi, è un libro vero, anche se pigmeo. :)
E poi, voi là fuori che leggete il blog e vi piacerebbe usare i Corti come regalo natalizio per le masse, ricordatevi che siete amici del curatore (amici di blogghe, perché no :) e potete ordinarli direttamente a me, e vedrete che qualcosa combiniamo. ;)

Poi passiamo ad altri eventi, che magari vi interessano.
Allora, ammettiamo che la sera di Halloween, tipo alle 17.30, siete di Verona e zone limitrofe e prima dell'aperitivo pre cena vi va di farvi raccontare qualche storia in tema con la serata per ricordarvi che la vigilia di Ognissanti è un varco temporale tra il mondo dei più e quello dei meno.
Beh... potete andare alla libreria del Minotauro, alla LETTURA DI OGNISSANTI, ad ascoltare di Melissa, il fantasma dell'A4, Lì, "gli attori David Conati ed Elisa Cordioli interpreteranno dei racconti fantastici inediti ambientati nel Veneto, opera di autori di tutta Italia, molti dei quali presenti, che si confronteranno sulla vicenda". Ci saranno, forse, Daniele Bonfanti e Riccardo Coltri, Simona Cremonini (penso), e Alessio Valsecchi.
Io non so... davvero... quel giorno rientro da Milano e significherebbe fare dei magheggi strani con le auto, allungare il rientro in nottata, litigare con la donna e metterci tuttanotte a scrivere un paio di cose che devo, per lunedì. Insomma... è dura... però mi piacerebbe davvero. Potrei scrivere gli articoli  in autostrada mentre guido durante il ritorno... 
Comunque se potete andate, penso sia ben lontana dalla solita presentazione spaccacoioni di raccolte. I reading sono fighi, se fatti bene, ve lo dice uno che li fa male :)
Qui sulla tela nera trovate tutti i dettagli dell'evento.

Poi ancora, altre cose.
E' uscito il libro di Frank, il secondo: "DIMMI CHI SEI MARLOWE".
Frank è un amico, (anche se ogni volta che commenta qua e là voi avrete pensato che è un troll :), però il suo libro lo leggo davvero volentieri, e con curiosità. Nonostante abbia quell'enorme pacco di roba da sistemare nella nuova libreria ikea Billy che mi sono comprato (e che devo ancora montare, a dire il vero)
Comunque pian piano farò anche questo.
Dicevo di Frank, che mi mette in difficoltà con i suoi libri jazz che ti sembra sempre di non capirli fino in fondo e invece poi, oppure l'esatto contrario. Mi ha chiarito, l'altro giorno una volta per tutte, la questione casa editrice a pagamento o meno. No, non ha pagato per pubblicare, anzi, è il contrario. Però è vero che c'era il doppio canale, e che prima gli hanno proposto una strada, per poi passare all'altra, quella seria. Comunque è del libro che ci interessa, e per ora mi piace e mi sembra molto più rotondo del precedente, sul linguaggio, ma sono appena a pagina 30 e figuriamoci. 
Vi saprò dire...

Poi... altra notizia, che magari non avete ancora letto e che mi sento di dare.
Avete presente all'inizio del post, quando vi parlavo di quelli che scrivono troppo sul blog? Beh, ecco, un iperattivo in tal senso è McNab. (No caro, non ce la faccio a seguirti... non t'arrabbiare).
Comunque, a forza di piroettare nel web come una cometa impazzita, Alessandro Girola ha incanalato un po' di energie in un progetto che mi sembra un sacco figo, anche se io di Ucronia non ci capisco una mazza.
Come dite? Storia alternativa?
Ah sì, allora ci capisco, ecchè, mica insegnavo storia economica per una cippa: ogni volta che non sapevo una cosa la inventavo  di gusto e con criterio. (Chissà quante volte ci ho azzeccato, mi chiedo spesso... :)
Ma aspettate che sto uscendo dal seminato... UCRONIE IMPURE, si chiama il concorso organizzato da McNab sul suo blog, e avrà seguito, deve averlo, anche perché sarebbe un premio per lui ma per i blogger tutti, perché alla fine è da questa porta che possiamo uscire (o entrare) in questa epoca in cui la narrativa annega nel miele acido della grande editoria senza passioni.

Poi?
Ah sì, nella mio pacco di libri, proprio sopra tutti, passato avanti anche ai racconti di Barker e di CA Smith, c'è LA CLESSIDRA D'AVORIO, il libro uscito prima dei Corti, che mi è arrivato da poco e che leggerò tra poco. Sono curioso... Molto curioso. E' dai tempi di Luneburg che non leggo un libro in cui gli scacchi sono un personaggio. Gli scacchi sono magici a prescindere... non trovate? Sono secoli che non ci gioco e non sono mai stato un appassionato vero, eppure mi hanno sempre affascinato. Sono una metafora, friendly e accessibile, della socialità umana, e ho sempre sognato e pensato fosse possibile inventare un qualcosa di simile, basato sulle nuove figure sociali sorte dalle modifiche all'umanità dell'ultimo secolo. Sì, lo so... non lo farò in questa vita... ma era così, per dire.

Finisco con altre due notizie, una sui nostri libri e una che riguarda me e il mio contorno locale.
La prima è l'uscita di CARNEVALE, prevista a giorni. 
No, no, non cominciamo con la solita battuta del carnevale ad halloween ecc.
Sennò vi tiro fuori le leggende celtiche, lo spaventare i morti e via dicendo, e voi non lo volete, lo so. Parliamo solo del libro. Il libro è il secondo, grande progetto della collana Camera Oscura. Il primo era Archetipi.
Questo parla di maschere di carnevale, dodici racconti, dodici tavole, dodici autori (anzi, di più), ambientato a Venezia...
Vi lascio il book trailer, a fine post, che è ottimo per godere della copertina.
Per la scheda libro di Carnevale invece cliccate qui e le cose più tecniche vedetevele da voi. Tanto per questo c'è tempo e saprò aggiornarvi in futuro, quando anche io l'avrò letto.

L'ultima notizia friulana, vi dicevo.
La nuova riapertura dell'Osteria Letteraria in Lingua Friulana. Un blog. Questo blog.
Prima era su splinder, forse qualcuno di voi lo sa già, ma col 25 ottobre ho riaperto su blogspot e raddoppiando l'offerta. Come dite? Non parlate il friulano? Sì, tranquilli, lo so. Non vi voglio certo invitare a seguire il blog, se non lo parlate. Però vi volevo invitare a sbirciare il progetto. In fin dei conti, concedetemelo, è figo.
Un osteria, dove i vini sono i racconti brevi, dove c'è oramai una sorta di piccola redazione che traduce  estratti di autori famosi, annuncia eventi relativi alla narrativa breve, offre ispirazioni per scrivere a tema, regala pillole di lezioni per lettura friulana, mette in piedi chiacchierate, ospita autori contemporanei... Insomma... secondo me, per una lingua minorizzata con meno di centomila parlanti e poche centinaia(?) di scriventi, c'è da esserne soddisfatti. Vediamo come va...
Ah già... CONTECURTE, si chiama.

Bene dai, è tutto.
Almeno avrete capito perché ho fatto un po' di fatica ad aggiornare il blog negli ultimi giorni... :)

5 commenti:

  1. Urca della Clessidra dovevo parlare pure io... ma qua mi schiavizzano, manco ho tempo di mettermi la crema da sole che è già Carnevale, cioè All'O'Uin, cioè... va beh... mejo che vado in leto dei...

    RispondiElimina
  2. Intanto grazie per le segnalazioni.Quella del blog in friulano m'interessa per motivi familiari.
    Carnevale m'interessa per motivi di residenza(Venexia ciò). Delle Edizioni XII e delle sue pubblicazioni visto che tutti quanti non fate altro che ripetermi quanto sia figa e strafigherrima sarà il regalo che mi farò e mi farò fare per Natale,così avrò Carnevale per Natale(e non cominciare sennò ti racconto tutte le leggende del Natale e dei Saturnali).
    Assieme ad Archetipi ed altre cosucce.
    Riguardo ad Ucronie Impure invece non posso far altro che invitare tutti a partecipare.
    Ciao gelunzio.

    RispondiElimina
  3. Ah, c'è una cosa che non ti ho ancora scritto: ho chiesto a una strega amica di farti una piccola macumba, in modo che, se non metti on line entro due settimane le notizie che ti mando, diventi Silente.

    Due settimane, dài, non sono stato cattivo. ;)

    RispondiElimina
  4. http://www.deezer.com/it/music/stan-kenton/complete-jazz-series-1950-1951-408392#music/stan-kenton/complete-jazz-series-1950-1951-408392
    Questo il mio regalo, Gelo, per ringraziarti di un bugiardino corto ma redatto come si conviene, che terrò in tasca come un talismano - il link è il jazz di Kenton e degli ottoni, irrobustiti da Manne e dagli acuti che perforeranno il cielo per toglierti il cerume dalle orecchie mentre ti ingarbuglierai i riccioli scrivendo una recensione che... a proposito, guarda che la px volta l'intervista sarà a pagamento ;)

    RispondiElimina
  5. Segnalo che Frank Spada è a Lucca (29/31 novembre 2010) per la presentazione in anteprima dell'antologia RISO NERO - A.A V.V. nomi e cognomi - Edizioni Delos Book - "Fate attenzione, è un libro killer. Fa morir dal ridere." testimonia Carlo Lucarelli.
    The Big Max M.

    RispondiElimina