Etichette:

FUN COOL! Un racconto in una frase 4ta edizione



Quale miglior modo di cominciare il 2010 se non questo?
Lo aspettavate... lo so!
Voi amici di blogghe...
Voi sciagurati che avete partecipato alle altre edizioni già sapete di cosa si tratta...
Voi che fate i finti snob dicendovi che non parteciperete a questo concorso di merda...
Voi che fremete goduriosi iperattivi e pronti a cominciare l'anno con questo meraviglioso concorso...
Voi, gonfi di sollucchero, che non ne potete più di sentirne parlare e gioite gaudenti al pensiero di quel che vi aspetta...
Voi internauti pieni di problemi che siete capitati qui per caso, cercando su google "porno puzze galattiche"...
Voi folli folletti sconosciuti che siete capitati qui per caso, ma veramente per caso, perché su google stavate cercando tutt'altre cose...
Oppure, ipotesi più probabile, voi invitati ufficiali, che siete qui dopo aver ricevuto una mail con un link  a questo post dove io vi dichiaravo il mio amore e dopo molti/e sotterfugi e/o minacce e/o paroline dolci e/o capricci e/o false promesse e/o chissà quali altre diavolerie mi sono inventato, dopodichè vi invitavo a partecipare...
Insomma, per tutti voi e giunta l'ora del...

FUN COOL!
UN RACCONTO IN UNA FRASE

Il concorso letterario più figoso, figante e figherrimo del web!
REGOLAMENTO, tanto per cominciare.
Si partecipa con un solo racconto, che stia in una frase.
Lunga quanto volete, fatta come volete, ma che sia un'unica frase, senza punti in mezzo, e che racconti una storia.
La potete inviare come vi pare: alla mia mail, come commento a questo post, come sms, come messaggio sul faccialibro, brevi manu... Fate un po' voi. Man mano che i racconti arrivano finiranno in un post appost che aprirò dopo di questo.
Ricordatevi di mandarmi anche il nome/nick con cui pubblicare il racconto e un link a sito/blog se volete farvi la reclame (altrimenti metterò il link alla vostra pagina personale porno).
Scadenza... dunque... fatemi vedere il calendario... Fino alla mezzanotte di domenica 17 gennaio, direi.
Altro?
No, direi proprio di no. Le cose sono belle semplici.
Perché dovrei partecipare? vi state forse chiedendo?
Beh... Leggete il post che segue!

81 commenti:

  1. Waaa io voglio essere tra i gonfi di sollucchero! ^^
    Comincio a spremere il mio neurone, se siamo fortunati riesce ad attivarsi in tempo!

    RispondiElimina
  2. Certo che in 10 giorni manco fa in tempo a girare la notizia!
    Per arrivare a 50 magari dovresti allargare i tempi di partecipazione!
    Oggi metto il punto esclamativo a tutto!
    !

    RispondiElimina
  3. Il fun cool! è così
    cotto e mangiato
    ahahahah
    tu pensa a fare la tua parte
    e non ti preoccupare!

    RispondiElimina
  4. Vabbbèèèèè va, anche se m'ero già fatta perdonare per Dacon con il fun cool precedente... :) Mo ce pensa, và!

    RispondiElimina
  5. Se tu volessi essere davvero ggiovane come fingi ci faresti pure l'evento su Feisbuk.

    RispondiElimina
  6. la giornata è lunga...

    RispondiElimina
  7. (vi diletto con il primo racconto, rivedendo in chiave fun cool un XIIno ultracorto. Saluti)

    Il giovane, addormentato su di un prato isolato, si sveglia, infastidito dalle zampette che gli solleticano il viso: sono centinaia di gonfi ragni neri che lo avvolgono nella loro tela, lasciandogli liberi solo gli occhi per leggere su un cartello, sbiadito dal tempo, “pericolo, zona contaminata”.

    RispondiElimina
  8. E secondo te non partecipo?

    Ho solo bisogno di tempo per creare l'intreccio e dare spessore ai personaggi; anche a quelli secondari hanno bisogno della loro giusta attenzione!

    Ma ci sarò! ^_^

    RispondiElimina
  9. Ecco il mio racconto:

    "Mi accorsi troppo tardi che la luce alla fine del tunnel era un incendio."

    Ciao.^^

    RispondiElimina
  10. I titoliiiii!
    :D

    RispondiElimina
  11. perfetto! :)

    RispondiElimina
  12. Ah, ok.
    Titolo: "L'apparenza brucia"

    RispondiElimina
  13. Ma qual è il primo concorso più figo del Web? I Corti?

    RispondiElimina
  14. Provo anch'io, tra qualche giorno ti mando il raccontino

    RispondiElimina
  15. "L'esecrabile esercizio del giovane bullo di quartiere"

    E' buio, pesto.

    Gian (Prima volta per me, un saluto a tutti!)

    RispondiElimina
  16. Paolo Di Pierdomenico7 gennaio 2010 18:16

    Stavolta voglio partecipare con un racconto lungo.
    Ce la sto mettendo tutto e punto a piazzarmi a matà classfica.

    Titolo: Il quadro fantasma
    La mattina andai in ufficio come sempre, e come sempre incontrai il capoufficio, che invece di ignorarmi mi rivolse la parola annunciando che mi aveva miracolato di un aumento di paga con scatto di livello incluso — come mi aveva promesso vent'anni or sono al colloquio d'assunzione — al che notai un lieve effetto traslucido, ma pensai fosse l'emozione, infatti ancora ignoravo che quella notte lui era morto d'infarto: a volte i sensi di colpa generano fantasmi.

    RispondiElimina
  17. @Angelo
    una volta era il 300parole :)

    @Ferru!
    e ci mancherebbe anche che non partecipi! :)

    @Gian_74
    benvenuto tra i funcoolers!
    inoltre ora sei anche uno strafigo :D

    RispondiElimina
  18. Ops, il titolo al mio racconto è...

    "Un fastidioso formicolio"

    RispondiElimina
  19. Non aspetto oltre

    Titolo: Sull'origine dei libri

    Quando quell’anno, all’inizio delle vacanze estive, tornò sul lago nella casa di campagna di suo nonno e salì in solaio per riprendere il giornale pornografico che aveva nascosto alla fine dell’estate precedente, notando tutti qui libri nuovi di zecca allineati sulla credenza in mezzo alla polvere, pensò di essere stato davvero un idiota patentato ad aver lasciato, per tutto quel tempo, una rivista simile racchiusa tra un tomo della Bibbia e un’edizione dell’Odissea di Omero senza neppure una scatola di preservativi da poter usare.

    RispondiElimina
  20. Fiqo! Quanti ne posso mandare prima che venga considerata molestia?

    RispondiElimina
  21. @ferru
    il fun cool è una febbre che non perdona :D

    @giuda
    sei già molesto di tuo, tranquillo, tu puoi mandarne...
    ...
    uno!
    :D

    RispondiElimina
  22. D’oh! Va beh, allora aspetto e vediamo se me ne esce uno migliore di quello scritto un minuto dopo l’annuncio, dai.

    RispondiElimina
  23. Appena tornata da un fuori onda di tre giorni accolgo la sfida!
    Adesso vado a dormire così penso meglio.Potrei scrivere un racconto su: Il sonno porta consiglio.

    RispondiElimina
  24. Per la miseria Gelo, non mi collego al sito per 3 giorni e tu mi fai lo scherzo di un nuovo concorso Fun Cool di cui io non sapevo assolutamente niente.
    Meno male che c'è la televisione...
    Quest'anno mi sa che lo pago il canone Rai.

    Michele

    RispondiElimina
  25. @ michele
    non mentire
    tu la tv non la guardi
    ma...
    parteciperai?

    dai dai
    :)

    @glory
    forse è "coniglio" sì, la notte porta coniglio, un horror per prestigiatori!
    :)

    RispondiElimina
  26. Richieste disattese

    Il negromante era a metà della sua spiegazione sull'anatomia dei vampiri quando il re nero lo bloccò urlando: "LeGione, avevo detto LeGione di non morti, non ti saranno morte pure le orecchie?!"

    RispondiElimina
  27. Sicuro che partecipo.
    Giusto il tempo di pensare qualcosa.
    Saluti,

    Michele

    RispondiElimina
  28. Titolo: Fuochi al tramonto


    La sovrana, dagli spalti, guardava il suo esercito perire sotto i colpi dei guerrieri di ghiaccio, inscalfibili dalle comuni armi bianche; poi, sorrise: uno stormo di draghi rossi si stava profilando all'orizzonte.

    Ciao Gelo. ;-)

    RispondiElimina
  29. Va bene, dai. Questo è il terzo che mi è venuto in mente, e forse è il più stupido, quindi dovrebbe essere il migliore. Almeno è così che funziono di solito.

    Una questione puramente accademica.
    Per lunghi e lunghi anni il Professor Pier Giulio DeMita, esimio etologo dell’Università Della Marchetta, studiò una rara specie di scimmie senza coda del Mozambico, tra le quali si aggirava un eccezionale esemplare dotato di evidente appendice, per poi scoprire – causa decesso della medesima (della scimmia, non della coda) – che l’esemplare caudato era in realtà portatore sofferente di una gravissima sindrome emorroidale, che poi prese il suo nome (del professore, non della scimmia).

    Mi firmo giudappeso con link al blog, grazie.

    RispondiElimina
  30. I DENTI DI BILL

    Dopo avere estratto il dente a Bill Gates il dentista vide con orrore che nell'anfratto sanguinolento della gengiva c'era una porta USB.

    RispondiElimina
  31. Miiiiii, il mio primo Fun Cool! Mi butto, senza indugio!

    Acchiapparella

    “Ce l’hai!” urlò il bimbo lebbroso fregando la sua mano suppurata sul viso del compagno di giochi; gli altri bambini si dispersero per le vie del paese, occhi dilatati di panico e respiri affannosi, mentre la caccia ricominciava.

    RispondiElimina
  32. @ Luigi
    mi aspettavo che il racconto si concludesse con "per le stade di Idrasca" :D

    @ Aurora
    Ciao!
    (però chissà quale stanza era...)

    @ Ale
    mi chiado dove bill abbia la presa di corrente... :D

    RispondiElimina
  33. "mi aspettavo che il racconto si concludesse con "per le strade di Idrasca"
    Guarda Gelo, ero mooolto tentato! :D

    RispondiElimina
  34. Titolo: Mida Forever

    Racconto: Il diavolo saltellava sul pontile lanciando occhiate sbilenche all'uomo nella barca d'oro, con le vele d'oro, stretto come un bambino al timone d'oro sovrastato dalle onde, e rideva sguaiatamente della stupidità umana.

    RispondiElimina
  35. Titolo: Attento con quell'ascia, Euge...

    La testa di Ruggero rotolò sul pavimento, con l'ultima sillaba, non ancora pronunciata, stampata in faccia, mentre Eugenio la fissava soddisfatto: era stufo di sentirlo ripetere la stessa frase da quarant'anni.

    RispondiElimina
  36. Eccoci:

    Titolo "la vendetta delle tartarughe"

    «L'idraulico è fuori gioco» annunciò fiero il rettile, e aggiunse: «ho avvelenato i suoi funghi»; Mario non avrebbe più schiacciato le tartarughe.

    RispondiElimina
  37. Ciao Gelo, ecco il mio racconto.

    La Biblioteca

    Una vita di scavi e di ricerche, ma alla fine aveva ritrovato l’antica Biblioteca di Alessandria con la sua raccolta di testi unici che tutti pensavano perduti per sempre, e quando felice e piangente le dette fuoco, fu certo che nessuno li avrebbe mai più letti.

    Michele Bolettieri

    RispondiElimina
  38. Vedo che sono già scese in campo le vecchie volpi e i big del Fun Cool!
    :)

    Fun cool Michele
    e Fun cool Valentino
    le vecchie volpi...

    e fan cool anche a big Fabrizio

    Per il triestino la mia natura udinese non mi permette di ringraziarti :)
    ma è come se. :D

    RispondiElimina
  39. Concorrente indispettito:
    Di Simone M. Navarra

    Visto che lui poverino tutti gli anni si impegnava tanto tanto per scrivere una cosa davvero buona in una riga sola, mentre poi vincevano sempre quelli con le frasi interminabili che non avevano senso, quella volta decise di partecipare pure lui con un racconto lunghissimo senza capo né coda e con la punteggiatura alla cappero; chissà come andrà a finire: sarà questa la giusta occasione in cui vincerà il prestigioso premio, o verrà piuttosto sconfitto per l'ennesima volta?

    ...

    Ti ho fatto l'editing direttamente nei commenti del blog, contento contentone? Funcool a te e a tutti l'amici tua! ^^

    Simone

    RispondiElimina
  40. Ho visto ho visto
    ma io sono così gentile che te lho fatto sparire e nessuno si accorgerà di gnulla!
    grazie caro
    fun cool anche a te!
    :)

    RispondiElimina
  41. Alberto Priora10 gennaio 2010 14:54

    Eccomi... :)

    Raffaele, capelli biondi e occhi azzurri, si godette per anni e in ogni senso e direzione, il fatto di essere rimasto l’ultimo uomo su di una Terra ancora popolata di donne vogliose; il suo umore cambiò di molto quando vide sgambettare un bimbetto dalla pelle nerissima.

    RispondiElimina
  42. dammi un titolo!
    a meno che non sia "eccomi :)"
    :D

    RispondiElimina
  43. titolo"MY OWN descent into the Maelström"

    Precipito nell'insensato caos impossibilmente dipinto nella mia mente, disciolta in tele di sogni bruciati.
    (Lilith)

    RispondiElimina
  44. posso mettere il link del profilo di facebook visto che sono stata invitata da lì?

    RispondiElimina
  45. Certo!
    now I facc
    and you tell me if va ben
    thank you!

    e anzi, il tuo è il 31esimo racconto e il fun cool! precedente è stato appena superato! yeah!

    RispondiElimina
  46. (il link è http://www.facebook.com/?ref=home#/666Lilith?ref=profile )..grazie:)

    RispondiElimina
  47. Ecco il mio racconto^^

    Titolo: Acchiappando le farfalle

    C’era una volta, tanto tempo fa, ma proprio tanto, una bambina che amava molto le farfalle, le piacevano quelle colorate e grandi, cercava sempre di acchiapparle con le sue manine grassocce, e qualche volta ci riusciva, e a quel punto le povere farfalle finivano con il morire; ciò che la bambina incauta non sapeva è che farfalle non sono semplici insetti, ma gli spiriti degli amici immaginari ormai dimenticati, anche lei aveva avuto un amico immaginario una volta, un draghetto rosso proprio come le ali della farfalla che teneva tra le dita in quel momento, quando l’amico immaginario gridò di dolore, intrappolato tra le dita della bambina, lei lo riconobbe e lo lasciò cadere a terra, spaventata, da quel momento la bambina non tentò più di acchiappare farfalle.

    RispondiElimina
  48. Valentina Giacobazzi12 gennaio 2010 13:06

    Ah il mio nome è Valentina Giacobazzi, e il racconto Acchiappando le farfalle è mio^^

    RispondiElimina
  49. -Citazione dotta-

    "Quando mi svegliai, il dinosauro era ancora lì".

    ;-)

    RispondiElimina
  50. Ehi... ma il Monterroso oramai è superato!
    adesso c'è:
    ¿Olvida usted algo? -¡Ojalá!
    :D

    RispondiElimina
  51. Eccomi!

    Principio di conservazione

    Gli ammortizzatori Blooper assorbono tutti i colpi, così dice la pubblicità, ma dove vanno a finire, questi colpi assorbiti? Lo scoprì Procide Vannini quando i quattro ammortizzatori della sua Hummer rilasciarono contemporaneamente tutti i colpi presi nei precedenti cinque anni, scagliando auto e proprietario ben oltre i palazzi più alti.

    http://sgerwk.altervista.org

    RispondiElimina
  52. Grazie Marco! :)

    RispondiElimina
  53. g.vanderban (VdB)13 gennaio 2010 00:58

    Ciao Gelo, entro in campo da dodicesimo uomo... O_o

    England 1888: the penalty.

    La figura se ne stava di fronte a lui, a difesa della porta, piegato sulle gambe, le braccia protese in avanti, pronto al balzo, e lo fissava con tono di sfida, ma incurante del suo sguardo cupo e degli ululati tutt’intorno, prese la sfera luccicante e la depose nel punto giusto, sapeva che oltre a sangue e muscoli aveva polvere da sparo nelle gambe, e non era quello il momento per dubbi o indecisioni, quindi aggiustò il calcio, prese la mira e sparò senza pensarci su, tanto che l’altro cercò di buttarsi di lato, ma non riuscì a evitare il tiro e la palla entrò con millimetrica precisione, lasciando l'altro di stucco, mentre lui corse felice verso la porta rimasta sguarnita, aggirò incurante l'estremo difensore, rimasto stecchito a terra, raggiunse e superò la soglia, richiuse l'uscio, ormai finalmente al sicuro nel suo cottage: anche quel giorno, il cacciatore di lupi mannari aveva portato a casa una vittoria.

    e in cool alla balena!!

    RispondiElimina
  54. Titolo "Intorno a me"

    Non c'è luce, poca aria e non riesco a respirarla, stretto a destra e sinistra, sopra e sotto, è buio, nessun rumore, solo ansia, solo angoscia, intorno a me il nulla e l'atroce senso di un'eternità vuota, è la mia bara, è la mia morte.

    RispondiElimina
  55. Titolo: Ava (palindromania)

    Ava è nome di demone; Ava, ossesso, è arida, s’adira; Ava, la nera arena lava; Ava, osso d’angelo, legna d’osso; Ava è male e lame; Ava, oro, oramai sì amaro; Ava, a tutta voce l’eco va tutta, Ava…: ‘tacci tua, Ava!

    RispondiElimina
  56. @Grazie VdB. dammi un link se vuoi

    @ciao stefano, ma stefano chi? dai dai dai... sono curioso. :)

    @ Grazie Luigi, ci voleva una roba palindromica!

    RispondiElimina
  57. Viodìn se il paron di cjase mi cognòs!
    Eccomi anch'io a partecipare (ma per fare numero).
    Che poi, all'inizio sembra una cagata 'sta storia del racconto-frase, ma ci sto perdendo ore e ore.
    Torno a lavorarci

    RispondiElimina
  58. se tu sês xabi
    torne a lavorâ a che conte
    se no tu sês xabi.
    torne a lavorâ plui content che no ti ai cognossût :)

    o spieti!

    RispondiElimina
  59. Eccula!

    Titolo: Cataplessia

    Mai, come quella volta, barzelletta e tavolo (con relativo spigolo) furono così, fatalmente, vicini.

    RispondiElimina
  60. @Gelostellato sono un amico del buon Fabrizio.. :)

    RispondiElimina
  61. Maremma che partecipazione!
    Ci vogliono più premi quest'anno!
    Più premi!

    RispondiElimina
  62. Confusione
    Nel suo sogno ricorrente correva a perdifiato giù da un ripido pendio, saltando agilmente da un masso all'altro, ma sempre, con rimpianto, si sveglava; poi, quella volta, non riuscì a svegliarsi.

    Lupo Alberto

    RispondiElimina
  63. Ancora due dài.
    Su... su... pubblicizziamo per il mondo e per il web

    RispondiElimina
  64. Black _ Dahlia14 gennaio 2010 21:02

    Ci sono anch'io!!

    "L’ultimo respiro"

    Riemerse, per l’ultima volta, allo scoccare della mezzanotte, a bocca spalancata come un uccellino, lottando ferocemente contro l’enorme massa d’acqua salata che continuava a spingerlo sotto, nel nero del mare dove finalmente si sarebbe ricongiunto alla sua sposa, mentre, poco distanti dal relitto del veliero, alcune giovani sirene giocavano con dei delfini, in un tripudio di suoni e forme.

    RispondiElimina
  65. Ciao Gelo, nessun link sono acerbo di rete...
    Ne approfitto per un piccolissimo editing. Si può fare? spero di sì!!

    England 1888: the penalty.

    La figura imponente se ne stava a difesa della porta, piegato sulle gambe, le braccia protese in avanti, pronto al balzo, e lo fissava con tono di sfida, ma lui incurante del suo sguardo cupo e degli ululati tutt’intorno, prese la sfera luccicante e la depose nel punto giusto, aveva polvere da sparo al posto dei muscoli e non era quello il momento per dubbi o indecisioni; aggiustò il calcio, prese la mira e sparò senza pensarci su, tanto che l’altro cercò di buttarsi di lato senza però riuscire a evitare il tiro e la palla entrò con millimetrica precisione, ora poteva correre esultante verso la porta rimasta sguarnita, aggirò l'estremo difensore rimasto stecchito a terra, superò la soglia e richiuse l'uscio, ormai al sicuro nel suo cottage: anche per oggi il cacciatore di lupi mannari aveva portato a casa una vittoria.

    RispondiElimina
  66. @Shaman
    metterò in palio degli insaccati di triestino... ti offri? Ti avevo detto che eri un uomo di poca fede? yeah!

    @VdB
    no, non si può cambiare, però come il buon ferruccio sa bene, in questo blog ci sono strani fenomeni di osmosi tra i commenti e i post...

    @Black_Dahlia
    Grazie! :)

    RispondiElimina
  67. Piuttosto qualche etto di san daniele di quello buono ci starebbe. Nel caso vengo a ritirarlo direttamente alla fonte!

    Anche se a 'sto punto mi sa che quella birra mi tocca offrirtela...

    Ah... io come insaccato non vado bene, al limite ci fai un brodo con le mie povere ossa poco carnose!

    RispondiElimina
  68. Hai saltato il 53! O era cosa voluta, per arcana cabala numerica?

    RispondiElimina
  69. Vuole arrivare a 60 con tutti i mezzi, il furlanazzo! ;)

    RispondiElimina
  70. Vedere e prevedere

    Sbirciando nella sfera di cristallo, la vecchia Chloe vide un volto oscuro fissarla da profondi recessi, in mano un lungo pugnale, sulle labbra il disegno della sua morte; ella, cieca come una talpa in una sala di un cinema di quart'ordine durante un black-out, non capì che quello che vedeva era un fottuto riflesso.

    RispondiElimina
  71. Titolo: Contrattempo

    Quando vide sua moglie a letto con il killer che aveva ingaggiato, ebbe il vago sospetto che una parte del suo piano non si era realizzata

    RispondiElimina
  72. la relatività del concetto "in una frase" mi ha stupito parecchio. personalmente interpreto un solo soggetto/verbo/complemento, e sforno il mio:

    "Fine dei giochi"

    L'essere con la falce in mano osservò terrorizzato le uniche due pedine rimaste.

    RispondiElimina
  73. solo Gelo e Grillo possono (in)dire un Fun Cool a una grande massa di gente senza essere pestati a morte


    Buoni consigli

    Mentre si sfilava le mutandine, ripensò all’incazzatura della madre, alle prese in giro di quei “figli modello” dei suoi fratelli, alla stretta economica minacciata (e messa in praticata) dal padre e rise: la voce suadente del serpente spiraliforme tatuato sul suo corpo continuava a tranquillizzarla promettendole, per i suoi problemi di adolescente ribelle, tante altre soluzioni delle quali quel vecchio eccitato che le stava davanti in quella camera d’albergo, era solo la prima.

    RispondiElimina
  74. solo per essere inutilmente pignoli, proprio così, tanto per, vorrei ho l'impulso di dire:

    comunque, gelo, per risolvere l'ambiguità segnalata da Piscu dovresti distinguere tra frase e periodo ^__^

    un fun cool per una frase e un fun cool per un periodo, così vai in fallimento per procurarti i premi

    RispondiElimina
  75. Da quando è riapparso dal muro, lo zio non respira più: cammina, mangia, a volte sembra quasi che muova gli occhi; a noi sta bene così.

    Andrea "Kadath" Piras



    P.S: non sono ritardatario. Mi disegnano così. :)

    RispondiElimina
  76. Ehm... il titolo era
    SCAMBI D'ESISTENZA

    funcool!
    Kadath

    RispondiElimina
  77. Ma che palle...l'ho scoperto solo oggi!!!

    RispondiElimina
  78. Dovrai aspettare sbavando la quinta edizione... :D

    RispondiElimina
  79. Valentina Giacobazzi24 gennaio 2010 12:28

    Scusa, ma i risultati del concorso verranno postati qui o da qualche altra parte?

    RispondiElimina
  80. Sul blogghe sul blogghe!
    la dead line ai giurati è lunedì sera.
    ma ne manca solo uno e in settimana ci sarà l'evento premiazione!
    :)

    RispondiElimina
  81. Minchia,
    andare a Fun Cool mi ha tolto il sonno.

    RispondiElimina