Etichette: , ,

"L'ombra del Dio Alato" di D. Arona***

Questo non è un libro! E' un saggio! Un saggio, cioè non è che qui leggi una storia con tipo dei personaggi e dei fatti ecc ecc.
Questo è uno di quei libri che hanno anche la bibliografia, per capirci.
No,
Lo dico subito perché non voglio beccarmi altri improperi o facile ironia se per caso vi mando un messaggio che dice "Oh, ci ho davanti al naso un Arona a un euro, vuoi che te lo compro?"
E voi mi dite sì, e poi vi incrugnite perché non è un libro, ma un saggio.

Chiarito questo avete anche capito che questo, come molti altri libri della Tropea (ma è fallita? Oppure ha semplicemente chiuso? Boh... ) l'ho trovato a un euro sugli scaffali della mia libbraria che vende i libri a un eurio.
Ce n'erano due, a dire il vero, di Arona, e logicamente ho comprato tutte le copie prima di guardare di cosa parlassero.
(certo, un sottotitolo di quel genere, avrebbe dovuto insospettirmi, ma io, per fortuna, non leggo mai i sottotitoli, perché mi stanno sul cazzo e preferisco i titoli lunghi). Ma torniamo a noi: per fortuna che l'ho preso!
Mi è piaciuto, non l'ho trovato per nulla pesante (beh, ok, una piccola bugia, in due o tre parti si appesantiva, ma non essendo un libro mi pare più che giustificabile) e mi ha lasciato un sacco di spunti.

Diciamo in breve di cosa tratta.
Diciamo pure che è una cronistoria, più o meno ipotetica, del demone Pazuzu, che non solo sarebbe l'ispiratore (tramite statuetta) de l'esorcista (sia il libro, sia il film), ma comparirebbe anche in molte culture e miti e criptozoologie ecc ecc. Vi potete leggere un breve sunto by Arona scaricando questo pdf. Si parte dagli assiri, con un resoconto abbastanza dettagliato dei vari ritrovamenti archeologici e delle domande che sollevano. Si parte quindi dalla culla dell'umanità, e ci si chiede, ed è questa la domanda che è il fil rouge del saggio, se pazuzu non sia nient'altro che una divinità appartenente a essere (alieni?) che hanno colonizzato la terra (e gli umani) eoni fa, per dirla alla Lovecraft. Si parla perciò di tutto, da Tiamat ai rettiliani, dal diavolo del Jersey alla mitologia greca. Ci sono molte ipotesi e forse a tratti anche troppo o troppo semplicistiche, ma è indubbio che il saggio sia davvero una fucina di pensieri, per uno che ama i mostri e il fantastico.
(si ok, io amo i mostri e il fantastico).

E non solo spunti, ma anche tanti fatti che sono utili a un ignorante come me, che per dire, i Tiamat li conosce più come gruppo metal che come pianeta generatore della terra ecc ecc.
Non vi sto a dire altro e anzi, se siete interessati leggetevi la presentazione dal sito di Arona stesso. Poi, se vi capita di trovarlo sugli scaffali a un eurio, potete decidere se prenderlo o meno, ma almeno, nel caso, poi non smarronate contro di me.

6 commenti:

  1. sì, sono assolutamente d'accordo in tutto
    è stata una lettura impegnativa ma che ha lasciato il suo segno
    e anche a me ha dato diversi spunti
    grazie ancora per questo regalo :-)

    RispondiElimina
  2. ah, già, qualcuno non mi ha insultato :)
    beh, forse nemmeno la marica mi ha insultato
    forse solo silente e ian
    ma perché a loro non ho trovato la copia :D

    RispondiElimina
  3. Non so perché non l’ho preso la prima volta che l’ho visto. Boh, forse non avevo denaro con me. In seguito l’ho cercato – quando me ne ricordavo – ma niente. Adesso che mi hai rinfrescato la memoria tenterò di nuovo. L’idea mi piace, e anche Pazuzu, per non parlare del fantastico e dei mostri.

    RispondiElimina
  4. Devo trovare una libreria a 1€ che venda a ste cose... a Trieste le bancarelle di seconda mano hanno solo King, Cussler o vecchi porno...

    RispondiElimina
  5. tanto lo sappiamo che i pornazzi di seconda mano vai li a venderli e non a comprarli :D

    RispondiElimina
  6. Monello, io i pornazzi li scrivo ;)

    RispondiElimina